• mini
  • lunedì 11 Febbraio 2013

Il finale di Habemus Papam

L'ultima scena del film di Nanni Moretti del 2011, con un papa neo-eletto che rinuncia al pontificato

La notizia delle dimissioni del Papa sta ricordando a molti la storia di Habemus Papam, il film di Nanni Moretti del 2011 in cui un cardinale neo-eletto rinunciava all’incarico, non sentendosi in grado di fare il Papa. Nella scena finale del film il papa, interpretato da Michel Piccoli, si rivolge a piazza San Pietro e spiega che «in questo momento la Chiesa ha bisogno di una guida che abbia la forza di portare grandi cambiamenti».

«In questi giorni, vi sarete domandati: “ma perché il nostro Papa non viene a darci il suo saluto? Non deve preoccuparsi, se il Signore lo ha scelto non ha potuto sbagliare”. Sì, sono stato scelto. Ma questo, invece che donarmi forza e consapevolezza, mi schiaccia e mi confonde ancora di più. In questo momento la Chiesa ha bisogno di una guida che abbia la forza di portare grandi cambiamenti, che cerchi l’incontro con tutti, che abbia per tutti amore e capacità di comprensione. Chiedo perdono al Signore per quello che sto per fare, e non so se lui potrà perdonarmi. Io però devo parlare a lui e a voi con sincerità. In questi giorni ho pensato molto a voi, e purtroppo ho  capito di non essere in grado di sostenere il ruolo che mi è stato affidato. Io sento di essere tra coloro che non possono condurre ma devono essere condotti. In questo momento posso dire soltanto: pregate per me. La guida di cui avete bisogno non sono io. Non posso essere io.»