• mini
  • lunedì 11 Febbraio 2013

La pagina del Foglio nel marzo 2012 sulle dimissioni del Papa

"Le dimissioni del Papa sono state messe all’ordine del giorno da Benedetto XVI"

Il Foglio aveva pubblicato il 10 marzo del 2012 un articolo, firmato da Giuliano Ferrara, sulla possibilità che il Papa si dimettesse, ripresa da un’allusione fatta da Ratzinger stesso in un libro intervista.

Le dimissioni del Papa regnante non sono all’ordine del giorno. La chiesa è l’ordine dei secoli, non dei giorni. Quando Giovanni Paolo II portò alle estreme conseguenze la sua teologia del corpo offrendo la misura del dolore personale come pegno universale di sofferenza e riscatto scrivemmo contro le vociferazioni più o meno curiali intorno alla imminenza o auspicabilità delle dimissioni del Pontefice. Non è questione di diritto divino, come per i monarchi, ma il vicariato di Gesù Cristo in terra è tema troppo delicato per affidarlo alle cure della medicina, alle diagnosi, alle fasi terminali dell’esistenza di un regno e del suo titolare per diritto elettivo assistito, letteralmente o metaforicamente, dallo Spirito Santo. L’afasia o l’immobilità di un Papa sono un modo di parlare e di muoversi, sono una modulazione omiletica, una via di predicazione e conversione, e questo ci sembrava appena ovvio nel caso di Karol Wojtyla, atleta di Dio impedito nelle facoltà fisiche e indebolito nella pratica della lucidità, ma di singolare, potentissimo e (forse) irrinunciabile carisma.

(continua a leggere sul sito del Foglio)

(l’immagine si ingrandisce con un clic)