• mini
  • giovedì 29 Novembre 2012

La delibera dei garanti delle primarie contro il sito “domenicavoto.it”

Le richieste di registrazione al secondo turno "devono avere una consistenza ed una specificità personale"

Sul sito ufficiale delle primarie di centrosinistra è stata pubblicata la seguente delibera del comitato dei garanti, che stabilisce in sostanza – senza citarlo esplicitamente, ma il presidente Berlinguer lo aveva fatto nel pomeriggio – che le richieste di votare al secondo turno inoltrate ai coordinamenti provinciali tramite il sito domenicavoto.it (o votodomenica.it) non saranno prese in considerazione.

DELIBERA 26

Il coordinamento nazionale riunitosi in data 29 novembre 2012,

premesso che

– vista la deliberazione del Collegio dei Garanti del 28 novembre, che ribadisce la circostanza che il  corpo elettorale è quello definito anteriormente al primo turno di votazione, consolidato in tale data;

– visto che il collegio dei garanti nella medesima deliberazione ha ribadito che la norma riportata all’art. 14 comma 4 del Regolamento nazionale, si riferisce a condizioni eccezionali di partecipazione al voto nel secondo turno, per coloro che non si siano registrati all’albo degli elettori dal 4 novembre al 25 novembre, e nello stesso arco temporale non abbiano provveduto neppure alla preiscrizione online, attiva 24 ore su 24;

– visto che il medesimo collegio ha ritenuto tale norma derogatoria del principio generale della  partecipazione al voto e pertanto tale da non poter essere interpretata e quindi utilizzata come riapertura dei termini per la composizione del corpo elettorale;

delibera

– che tutte le richieste di nuova registrazione, ai sensi del art. 14 comma 4 del Regolamento nazionale in qualunque modo pervenute ai coordinamenti provinciali devono avere una consistenza ed una specificità personale delle motivazioni. Le motivazioni dell’impossibilità personale di registrarsi devono essere coerenti e credibili rispetto alla facoltà che era data di potersi registrare fisicamente oppure online nei 22 giorni compresi dal 4 novembre al 25 novembre.

– Motivazioni di carattere generico e aleatorio, non vanno prese in considerazione perché non rispettano il carattere derogatorio ed eccezionale della suddetta norma. Per tali richieste, pertanto, la mancata risposta equivale al non accoglimento della medesima.

– Infine, per garantire l’interesse generale della coerenza e non alterazione del corpo elettorale tra un turno e l’altro della medesima votazione, principio democratico e di legalità, le richieste che si intendono accolte sono esclusivamente quelle che hanno ricevuto una risposta positiva, specifica e individuale sul caso, deliberata unanimemente dal coordinamento provinciale, con l’indicazione delle successive modalità di registrazione.