• Sport
  • martedì 12 Giugno 2012

Andriy Shevchenko in 12 video

Il meglio della carriera di un calciatore ucraino di 35 anni, senza squadra, che ieri sera è sembrato di nuovo uno degli attaccanti più forti del mondo

Andriy Shevchenko è un calciatore ucraino. Ha 35 anni e oggi non ha una squadra, sebbene fino a qualche anno fa fosse considerato uno dei calciatori più forti del mondo: ha vinto molti trofei con le squadre in cui ha giocato, nel 2004 ha vinto anche il Pallone d’Oro, il premio più prestigioso per i calciatori che giocano in Europa. Shevchenko è considerato uno degli attaccanti più completi degli ultimi vent’anni, dotato di velocità, forza fisica, tecnica, colpo di testa, tiro forte e preciso. Insieme a un altro attaccante molto prolifico, Filippo Inzaghi, ha fatto le fortune del Milan, squadra con la quale ha vinto moltissimo. In carriera, fino a questo momento, Shevchenko ha segnato complessivamente, tra squadre di club e nazionale, 374 reti su 762 partite. Ieri è stato l’uomo del giorno, agli Europei, segnando due gol bellissimi e ribaltando il risultato della partita tra Ucraina e Svezia.

Nato il 29 settembre 1976 a Dvirkivščyna, un villaggio ucraino a circa cento chilometri dalla capitale Kiev, Shevchenko dovette presto scappare in un’altra città insieme alla sua famiglia per il disastro nucleare della vicina Chernobyl nel 1986. Sempre in quell’anno, non superò una prova di dribbling a una scuola speciale per giovani calciatori di Kiev a cui non venne ammesso. Sempre nel 1986, poco tempo dopo non aver passato la prova di dribbling, venne notato da un osservatore della Dinamo Kiev durante un torneo giovanile. Venne subito inserito nelle squadre giovanili della Dinamo, dove fece tutta la trafila fino alla prima squadra. Proprio con la Dinamo Kiev Shevchenko è diventato famoso nel mondo: nel maggio del 1999 è stato acquistato dal Milan per 25 milioni di dollari, all’epoca una cifra molto alta.

Si dice che nella formazione calcistica e umana di Shevchenko sia stato fondamentale l’allenatore della Dinamo Kiev Valery Lobanovski, un ex calciatore e allenatore della nazionale di calcio dell’URSS molto famoso per disciplina quasi militare che imponeva ai suoi giocatori e per il suo approccio scientifico al calcio. Shevchenko è sempre rimasto molto legato a lui, fino alla sua morte, avvenuta il 13 maggio del 2002.

Shevchenko ha segnato 106 gol e ha vinto cinque campionati ucraini consecutivi (dal 1995 al 1999), tre Coppe d’Ucraina e la classifica cannonieri nel 1998-1999. Nel video qui sotto c’è un piccolo sunto di quello che ha saputo fare in quegli anni, specialmente nella stagione 1997-1998, quando segnò ben 36 reti stagionali con la Dinamo Kiev (il suo record). Aveva 21 anni.

Di quella stagione è rimasta indimenticabile la sua tripletta al Barcellona, fuori casa, in Champions League, nella partita vinta clamorosamente dalla Dinamo Kiev per 4-0 allo stadio Camp Nou. Dopo quella serata Shevchenko è diventato famoso in tutto il mondo.

1 2 3 Pagina successiva »