• mini
  • venerdì 4 maggio 2012

I Twitter Trends adesso, spiegati

Quali parole occupano le conversazioni su Twitter e per quali ragioni

Venerdì, 18.09

Twitter mostra in tempo reale quali sono i dieci termini e gli “hashtag” più usati sui messaggi del social network. Molti non sono chiarissimi e di altri può sembrare misteriosa la ragione della popolarità contingente. Ma c’è una spiegazione per tutto.

nuovitalians
È l’hashtag di un’iniziativa organizzata da TelecomItalia per incontrare “artigiani che hanno usato la rete per promuovere se stessi e raccontare una nuova idea di lavoro”. L’evento si può seguire in streaming qui.

TomglishIsPerfekt
Tom Kaulitz è il chitarrista dei Tokio Hotel, una band tedesca, e lo hashtag prende affettuosamente in giro il suo inglese imperfetto (“tomglish”).

Rocco Siffredi
Noto attore italiano di film porno, oggi è il suo compleanno.

Keith Haring
Artista statunitense, oggi avrebbe compiuto 54 anni e Google lo ha celebrato con un doodle.

Big Girls Don’t Cry
È una canzone di Fergie dei Black Eyed Peas, se ne parla per questa cover cantata durante una puntata di Glee.

Grande Torino
Viene chiamata così la squadra di calcio del Torino degli anni Quaranta, che vinse moltissimo e i cui giocatori morirono in incidente aereo a Superga il 4 maggio 1949, 63 anni fa.

Di Vaio
Marco Di Vaio, attaccante e capitano della squadra di calcio del Bologna, ha annunciato che a fine stagione lascerà la squadra e andrà a giocare a Montreal, in Canada.

Justin is 1Derful
Justin è il cantante Justin Bieber, “1Derful” sta per “wonderful”, meraviglioso. Lo hashtag è stato lanciato, “in segno di pace”, dai fan degli One Direction, una teen band i cui fan rivaleggiano ogni giorno su Twitter con quelli di Bieber.

Teresanna
Concorrente di Uomini e donne, è stata scelta dal tronista Francesco Monte.

H&M
È una popolarissima catena di abbigliamento, se ne parla per i motivi più svariati ma principalmente per la nuova collezione di accessori disegnata da Anna Dello Russo, fashion director di Vogue in Giappone.

foto: LaPresse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.