Gli One Direction, spiegati ai maggiorenni

O almeno a quelli che non hanno figli teenager, e non conoscono la guerra tra beliebers e directioners

Da qualche mese il mondo parallelo degli entusiasmi dei teenager di tutto il mondo è sempre più agitato da una boy band il cui successo crescente sta ultimamente avvicinando persino quello di Justin Bieber, per dire (quanto tempo è passato). Gli One Direction sono cinque ragazzi (il più vecchio è del 1991, il più giovane del 1994) che vengono da cinque città diverse del Regno Unito. Esistono dal 2010, l’anno in cui hanno partecipato all’edizione inglese di X Factor e sono arrivati terzi. Prima del programma non si conoscevano tra loro, si erano iscritti ai provini come solisti ma nessuno di loro era stato preso. Su suggerimento di Nicole Scherzinger (quella delle Pussycat Dolls), giudice ospite per una puntata, la produzione aveva provato a metterli insieme e riproporli nella categoria “gruppi”, e in quella forma erano riusciti ad arrivare alla finale del programma.

Dopo X Factor hanno firmato un contratto da 2 milioni di sterline con la Syco Records, hanno passato l’estate del 2011 in tour con gli altri concorrenti del programma e pubblicato il loro primo singolo, What makes you beautiful, l’11 settembre 2011 (anche se un’altra loro canzone, Forever Young, circolava su internet già dal giorno successivo alla finale di X Factor).

Il loro primo disco, “Up all night”, è uscito a novembre, ed è stato il disco venduto più velocemente del 2011. A gennaio è uscita una loro nuova canzone, One thing, e la Columbia Records ha diffuso un comunicato che diceva che dato l’impressionante numero di preordini e la grandissima attesa dei fan, il disco sarebbe stato pubblicato una settimana prima del previsto.

In pochi mesi hanno vinto qualche premio (ai 4Awards e ai Brit Awards) e venduto tantissimo, compresi i tre libri che raccontavano la loro storia. In Italia sono venuti per la prima volta lo scorso ottobre, per poi tornare a febbraio come superospiti di Sanremo.

Vista l’età, l’aspetto, e il genere di canzoni, i loro fan provengono dallo stesso bacino di quelli di Justin Bieber, anzi, tra i due gruppi ci sono sovrapposizioni ma anche grandi rivalità (su Twitter directioners e beliebers se le suonano, in mezzo a utenti che prendono il loro conflitto molto sul serio e si augurano al più presto una riconciliazione).