• Italia
  • mercoledì 18 Gennaio 2012

Costa Concordia, le colpe e i dispersi

La nave è poco stabile e si è nuovamente mossa, rallentando le ricerche a bordo, il comandante Schettino è a casa, agli arresti domiciliari (liveblog)

Le nuove foto dall'isola del Giglio del relitto

19,40 – Repubblica ha messo online gli appunti a verbale della Capitaneria di Porto della notte del naufragio.

18.06 – Stando alle ultime stime i dispersi sono 26, compresi i corpi ritrovati sulla Costa Concordia ieri, ma ancora da identificare.

17.52 – Gertrud Goergens, la passeggera data per dispersa, era tranquilla a casa sua, dice il Corriere Fiorentino.

17.51 – Una delle passeggere tedesche contata tra i dispersi è viva, dice un flash di Adnkronos.

17.44 – Il sito del Fatto Quotidiano ha da poco pubblicato un video fornito dalla Guardia Costiera con alcune immagini subacquee del relitto della Costa Concordia.

17.40 – Il dibattito sulle comunicazioni urgenti del Governo alla Camera si è da poco concluso.

17.32 – Ieri sono state trovate cinque persone morte sulla Costa Concordia. Dopo una serie di accertamenti, oggi è stato possibile identificarne una: il violinista ungherese Sandor Feher.

17.19 – E poi c’è Daniela Santanché che critica Monti per non essere andato all’isola del Giglio, ve la riportiamo per completezza (eh): “Vedo che tutti dicono la loro sulla tragedia del Giglio, ma nessuno si è indignato per l’assenza dal luogo del disastro del nostro primo ministro. È una mancanza di sensibilità imperdonabile anche per un professore”.

16.58 – Seguono le dichiarazioni dei gruppi parlamentari, che potete seguire in diretta streaming qui.

16.53 – Ciaccia: non si può escludere che il meteo peggiori già nelle prossime ore nell’area dell’isola del Giglio.

16.52 – Ciaccia: undici morti accertati e 22 dispersi.

16.49 – Ciaccia: la Costa Concordia poggia su una specie di gradino ampio 20 metri oltre il quale c’è una sorta di scarpata profonda 50 metri.

16.47 – Ciaccia chiede un encomio solenne per Gregorio De Falco, che “si è particolarmente distinto per l’impegno profuso”. Chi è in aula applaude.

16.45 – Ciaccia: la Commissione Europea ha contattato il Comando generale delle Capitanerie di Porto per avere notizie e aggiornamenti sull’incidente. Nella storia della navigazione marittima, si tratta del sinistro che ha coinvolto il maggior numero di persone.

16.43 – Ciaccia: nella zona del Giglio ci sono tre navi per affrontare eventuali emergenze ambientali, possono anche aspirare le chiazze di carburante in acqua, ove necessario.

16.41 – Ciaccia: l’ordine di abbandono nave fu dato solo alle 22.58 di venerdì.

16.41 – Ora sta parlando il viceministro delle Infrastrutture e Trasporti Mario Ciaccia. Sta esponendo alla Camera la ricostruzione dei fatti nella notte tra venerdì e sabato scorsi.

16.40 – Potete seguire la diretta dalla Camera qui sul Post, in streaming.

16.36 – La consuetudine dei cosiddetti “inchini”, cioè dell’avvicinamento delle navi da crociera alle coste, non può essere più tollerata, ha concluso Clini.

16.33 – Clini: necessarie almeno due settimane per vuotare i serbatoi, il carburante a bassa temperatura è diventato più denso e andrà riscaldato prima di essere rimosso.

16.29 – Clini: le condizioni del meteo consentono di governare le operazioni a bordo della nave, senza compromettere la possibilità di vuotare i serbatoi. Un’evoluzione del meteo potrebbe però determinare lo spostamento e l’affondamento in profondità della nave.

16.23 – Clini inizia elencando le caratteristiche della nave, soffermandosi sulle 2.400 tonnellate di carburante e olio lubrificante contenuti nella nave.

16.17 – Alla Camera è iniziato l’informativa del governo con i ministri Corrado Passera (Sviluppo e Trasporti) e Corrado Clini (Ambiente).

1 2 3 4 5 Pagina successiva »