Dove va Civati

Intervista al possibile prossimo segretario del PD sull'importanza di avere una rete che raccoglie 50 mila firme per il referendum, sul PD e Penati, sulle primarie di coalizione, sulle elezioni anticipate, e sul suo essere il possibile prossimo segretario del PD

di Luca Sofri

Dopo che avevo scritto qualche tempo fa della validità del sodalizio politico tra Matteo Renzi e Pippo Civati, e della delusione di molti simpatizzanti del Partito Democratico per l’apparente declino di quel sodalizio, qualcuno mi ha segnalato un altro dato interessante per capire la sua potenziale forza: ovvero l’estensione numerica e territoriale della rete di sostenitori – “gli attivisti di Prossima Italia” – che Civati ha saputo costruire in questi anni in tutta Italia (Civati è consigliere regionale in Lombardia e presidente di uno dei forum nazionali del PD), e la sua forza operativa che si sta dispiegando in questi giorni nella raccolta di firme per i referendum sulla legge elettorale. Il Post ne ha voluto chiedere direttamente a lui – a un mese dall’appuntamento bolognese che ha organizzato con Debora Serracchiani – e parlare anche di altri temi a cui si gira molto intorno con poca chiarezza.

Quante firme risultano raccolte a oggi?
Intorno alle quattrocentomila, una stima credibile. Il weekend decisivo è questo, perché poi ci sono i tempi tecnici di raccolta, spedizione e controllo alla sede nazionale.
Quindi le raccolte pubbliche sono operative fino a quando?
Sono operative fino alla fine del mese, il mio consiglio, però, è quello di attivarsi subito, sia per chi vuol raccogliere, sia per chi vuol firmare. La raccolta dura tre mesi, solo che quelli estivi ce li siamo un po’ giocati, tra schermaglie e vacanze, diciamo.
E una volta consegnate che tempi si prevedono su un eventuale accoglimento?
Questo non si sa con chiarezza, ma la scelta di partire d’estate è funzionale alla possibilità di riuscire a votare il prossimo anno per il referendum, altrimenti ci sarebbe stato il rischio di scivolare al 2013.
Hai letto Michele Ainis sul Corriere, stamattina? Dice che firma volentieri per i referendum, ma secondo lui sono inammissibili.
Il rischio c’è, lo scrissi anch’io, ma i promotori rassicurarono tutti
Cosa ha fatto la rete di Prossima Italia per la raccolta delle firme?
Beh, abbiamo fatto un macellum. Con Prossima Italia abbiamo distribuito moduli per più di cinquantamila firme, abbiamo messo in contatto i famosi territori con il comitato nazionale. Personalmente, poi, mi sono riservato una quota per consumo personale che ho distribuito, “di persona personalmente” dalla Valsusa a Reggio Emilia, dalla mia città alla Puglia, dove andrò tra qualche ora. All’inizio sembrava come Forrest Gump quando inizia a correre. Poi il fenomeno è diventato collettivo.

Come descriveresti oggi le posizioni del PD sulla raccolta?
Penso che ancora una volta i protagonisti siano stati gli elettori del PD. Hanno determinato l’agenda del partito molto più di quanto abbiano fatto i dirigenti, che hanno dato prova di incertezza, confusione e irresolutezza. Il PD è un partito che offre il meglio di sé dal basso verso l’alto, diciamo.
Ma oggi i dirigenti ti sembrano riallineati e il loro appoggio soddisfacente? O c’è altro che il PD “ufficiale” potrebbe fare?
Il PD ora è in partita. A me interessa l’obiettivo politico. È l’unica cosa che conta, non la resa dei conti all’interno, che poi non porta da nessuna parte, come ampiamente dimostrato. In ogni caso, l’altra cosa curiosa è che ora tutti dicono cose che fino ad un anno fa sarebbero state impensabili: a cominciare dalla battaglia per le primarie per i parlamentari, da me condotta in totale solitudine in direzione nazionale. Anche questo è merito di una mobilitazione interna al PD, tra i suoi elettori. Che chiedono solo di essere ascoltati e guidati.
Con obiettivo politico ti riferisci al raggiungimento delle firme necessarie?
Come obiettivo mi riferisco alla battaglia referendaria, certamente, ma anche a una diversa concezione della politica, in cui quello che si muove nella società civilissima di questo Paese sia considerato con prontezza e responsabilità dal principale partito italiano. Siamo ancora fermi a Gargonza, nel dibattito tra politica e società, e fa un po’ sorridere, perché il mondo è cambiato e anche il dibattito pubblico nel nostro Paese.
Ma questo non implica rischi di derivepopulistiche, demagogie, e svilimento del ruolo di guida e filtro e competenza delle leadership? Non è che poi quando nella società civilissima si muove qualcosa di discutibile, non ci sia più la forza per contrastarlo?
Per nulla. Perché le questioni sollevate sono profondamente politiche. Pensa alla necessità di unire la coalizione di centrosinistra, che è una questione irrisolta. Bersani, Di Pietro e Vendola non si sono mai incontrati in pubblico, nonostante i ripetuti inviti (anche miei). E questa per esempio è una richiesta forte da parte di tutto l’elettorato del centrosinistra. Per ora, siamo al “Tre uomini e una gamba”, in cui tutti attendono messianicamente l’arrivo del Terzo Polo, che poi molto probabilmente non arriverà. Questo è un altro messaggio da raccogliere. Quanto al rischio della deriva populista sulla proposta politica, compito di un grande partito è interpretare le spinte che provengono dalla società con una funzione che in filosofia si direbbe trascendentale: organizzando il consenso su proposte di governo, credibili e di qualità. Al vento servono i mulini, per rendere tutta questa energia una funzione vitale per il Paese.
Di occasioni, peraltro, ne abbiamo perse già molte. I ritardi sull’acqua, ad esempio. Ma anche la questione della casta, che non è stata interpretata politicamente da nessuno, con i rischi che si arrivi sì a una deriva, perché nessuno ha ancora fatto nulla di significativo.
Come mai l’eventuale ripristino del Mattarellum suscita anche diffuse perplessità?
Il ritorno al Mattarellum suscita preoccupazioni in chi non ha una coalizione credibile: il problema è soprattutto della Lega, che si troverebbe a esprimere candidati insieme al Pdl. E infatti non reggerebbe al cambiamento del sistema elettorale (che ha inventato la Lega, guarda caso). Se vuoi, per il nostro campo è una straordinaria occasione: immagina la possibilità di costruire candidature condivise da tutti i partiti del centrosinistra, a parlamentari scelti come si scelgono i sindaci, davvero rappresentativi della propria comunità e individuati attraverso percorsi democratici, senza imposizioni “romane”. Perché per me il Mattarellum è sempre e comunque accompagnato dalle primarie locali. Per il ruolo di guida dei partiti un 25% di quota proporzionale è largamente sufficiente.
È la fine della vocazione maggioritaria?
No, è il suo compimento. Perché la vocazione maggioritaria non può essere che realizzata così, non solo attraverso conventiones ad excludendum. SeL chiede le primarie per il premier, di coalizione? Benissimo, le si facciano, di coalizione, anche per i parlamentari. L’IdV chiede la trasparenza e di uscire dall’epoca di Scilipoti? Ottimo, individui candidati spendibili che si possano confrontare nei collegi. Per i famosi equilibri, perché quelli rimangono, c’è il dato proporzionale, lo ripeto. Se vogliamo un Parlamento che sia una vera Assemblea costituente dobbiamo immaginarlo così, con le energie migliori, con la qualità delle persone, non con il trionfo delle correnti e delle nomine.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.