Il rebranding di una squadra olimpica

A ogni nuova edizione delle Olimpiadi si fanno grandi chiacchiere, tra grafici e non, sul logo scelto dalla città ospitante e dal confezionamento visivo dell’evento. Purtroppo i «brand» delle squadre olimpiche attirano meno l’attenzione: varrebbe la pena, ad esempio, soffermarsi sulla banalità del logo della squadra statunitense, che si limita alla scritta USA sopra i tradizionali cinque cerchi olimpici.

Ben Hulse, lo stesso designer che ha collaborato alla creazione del progetto di comunicazione visiva per le Olimpiadi invernali di Vancouver dello scorso anno, qualche giorno fa ha presentato il progetto di rebranding della squadra olimpica canadese. Dopo aver studiato gli oltre cento anni di esistenza della squadra, ha scelto di basare la grafica sulla foglia d’acero simbolo della nazione e presente sulla bandiera. Il risultato è eccellente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.