Tabacci resta assessore e deputato

Ma non prenderà lo stipendio da assessore: lo spiega su Facebook il sindaco Pisapia

Il nuovo sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha pubblicato una nota su Facebook in cui spiega che Bruno Tabacci conserverà l’incarico di parlamentare, ma non riceverà lo stipendio come assessore della giunta milanese in cui è stato appena nominato al Bilancio.
Tabacci è deputato di Alleanza per l’Italia: fino a ieri non era certo che avrebbe mantenuto l’incarico come deputato. Da più parti gli è stato chiesto lasciare il posto da parlamentare, ma il neoassessore ha dichiarato in un’intervista di ieri al Corriere che le ragioni della richiesta delle dimissioni non gli sembravano convincenti e che comunque, nel caso avesse deciso di portare a termine il suo mandato, sarebbe andato a Roma «soltanto il martedì per il voto e il mercoledì» per il voto. (Il direttore del Post ha scritto ieri che le richieste di dimissioni da deputato gli sembravano ragionevoli).
Tabacci concludeva dicendo che ne avrebbe parlato con il sindaco: nella nota di oggi Pisapia dichiara di non considerare incompatibili i due incarichi e di aderire alla tesi di Tabacci oer cui il seggio alla Camera sarebbe utile alla città di Milano.

Ho chiesto a Bruno Tabacci di impegnarsi al mio fianco come assessore al Bilancio nella giunta comunale conoscendone il valore e la generosa dedizione alla città. Milano si trova in un momento di svolta e il tema del Bilancio è il primo da affrontare, considerato che la realtà che sta emergendo è del tutto diversa da quella rappresentata dall’amministrazione uscente. In questo contesto, il contributo di un uomo come l’on. Tabacci è non solo prezioso, ma anche indispensabile e sarebbe stato miope e di corto respiro rinunciare alla sua competenza. Bruno Tabacci è e sarà una grande e preziosa risorsa per Milano nell’ottica di quel civismo che è stato uno degli elementi chiave della mia campagna elettorale. Doppio incarico non significa affatto doppio stipendio; Bruno Tabacci non percepirà lo stipendio da assessore e ha già annunciato le sue dimissioni da ogni incarico di rappresentanza nel gruppo parlamentare che aveva assunto, rinunciando alle relative indennità.

Nel momento in cui il Governo e il Parlamento stanno lavorando per mettere a punto i meccanismi di applicazione del federalismo fiscale, stanno discutendo il tema della distribuzione delle risorse fra amministrazione centrale ed enti locali e dovranno mantenere gli impegni assunti verso la Lombardia e verso Milano per Expo 2015, poter contare su Bruno Tabacci, sarà una garanzia per tutti i milanesi.

Luca Sofri: Tabacci, dia retta: no

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.