• Mondo
  • sabato 21 maggio 2011

Le proteste in Spagna crescono

Malgrado il divieto di manifestare alla vigilia delle elezioni, decine di migliaia di persone hanno occupato le piazze stanotte

Malgrado il divieto di manifestare alla vigilia delle elezioni amministrative di domani imposto dalla Commissione elettorale centrale, migliaia di persone – soprattutto giovani – hanno passato di nuovo la notte in molte piazze spagnole, e soprattutto in quella di Puerta del Sol a Madrid, prendendo in giro con striscioni e slogan la “giornata di riflessione” suggerita dal divieto: giornata accolta a mezzanotte da un minuto di silenzio da parte delle persone (20 mila, dicono alcune fonti) a Puerta del Sol.

Altre manifestazioni si sono tenute a Barcellona, Malaga, Siviglia, Valencia, Granada, Saragozza e in molte città ancora. La violazione del divieto ha messo in imbarazzo partiti e istituzioni di fronte alle manifestazioni che finora sono state del tutto pacifiche. Il Tribunale Supremo stanotte ha confermato il divieto respingendo il ricorso presentato dal partito di sinistra Izquierda Unida. Ma la polizia non userà la forza contro i dimostranti – che stanotte sono cresciuti di molto in numero rispetto ai giorni scorsi – se non ci saranno incidenti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.