(AP Photo/Mark Lennihan)
  • Mondo
  • giovedì 5 maggio 2011

Com’è Ground Zero oggi

Oggi Obama andrà a Ground Zero per incontrare i familiari delle vittime dell'11 settembre

Daniel Libeskind è l'architetto che ha vinto il concorso indetto per la ricostruzione dell'area

(AP Photo/Mark Lennihan)

Ground Zero, in inglese, è il termine con cui si indica il punto al suolo al di sopra o al di sotto del quale è avvenuta un’esplosione atomica o in generale una massiccia deflagrazione, l’epicentro di un terremoto o di un altro disastro. Dagli attentati dell’undici settembre è diventato per tutti il termine che indica l’area nella parte meridionale di Manhattan sulla quale sorgevano le Torri Gemelle, appartenenti al complesso del World Trade Center di New York. Nel 2008 l’architetto americano di origine polacca Daniel Libeskind ha vinto il concorso indetto per il nuovo progetto dell’area – che avrà al centro la nuova torre grattacielo dell’altezza simbolica di 1776 piedi (541 metri), come l’anno dell’indipendenza americana – che è da anni un grande cantiere di demolizione e ricostruzione. Negli ultimi giorni Ground Zero è tornato di nuovo al centro dell’attenzione mondiale per i festeggiamenti che lì si sono svolti intorno alla zona (chiusa dal cantiere, ci si può muovere sui marciapiedi ai bordi dello spazio) per celebrare l’uccisione di Bin Laden. Per la prima volta da quando è presidente degli Stati Uniti, Barack Obama oggi sarà a Ground Zero per depositare una corona di fiori nel cantiere e incontrare i familiari delle vittime dell’undici settembre.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.