«Sono stato villano»

Giuliano Ferrara risponde a Ezio Mauro che gli aveva risposto ieri

Oggi prosegue sul Foglio la discussione tra Giuliano Ferrara ed Ezio Mauro sui tempi che corrono in Italia, sul preteso moralismo o bacchettonismo di sinistra, e sull’antiazionismo del direttore del Foglio, che ammette gli eccessi verbali ma rincara la dose sostanziale.

Rispondo a Ezio Mauro, direttore di Repubblica,uno che purtroppo crede in quel che scrive, anche quando obliquamente cita Gobetti per descrivermi e descriverci (il Foglio) parte di un’adunata di “servi zelanti”. Mi accusa di avere insultato Gustavo Zagrebelsky, bardo dell’azionismo torinese in campagna militante e militare contro Berlusconi, con espressioni “di tipo addirittura fisico, antropologico”. In effetti sono stato sgarbato, aggressivo, emozionale; lo sono stato perché quello di lunedì era un breve testo ritorsivo, nasceva da quanto avevo visto su Repubblica tv, dal fremito di orrore che mi aveva attraversato quando mi era sembrato di capire che una minoranza etica di intransigenti e puritani vuole guidare l’Italia e ripulirla addirittura, progetto tipicamente reazionario e autoritario nella sua natura ideologica, avvalendosi non del voto popolare ma di un’idea e di una pratica totalitarie del diritto (“tutto per tutti” è il loro slogan).

(continua a leggere sulla rassegna stampa del comune di Roma)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.