• lunedì 17 gennaio 2011

Antitrust, chiusa l’istruttoria su Google

Gli editori potranno scegliere quali contenuti far comparire su Google News

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha accettato gli impegni di Google Italia, ed è stata quindi chiusa l’istruttoria aperta nei confronti del motore di ricerca per possibile abuso di posizione dominante. Ora dunque gli editori potranno controllare i contenuti che finiscono su Google News, senza però alterare la loro rintracciabilità su Google.com. Saranno inoltre rese note le quote di ripartizione dei ricavi degli spazi pubblcitari, e le imprese che veicolano pubblicità su Google potranno rilevare i click ricevuti.

L’Autorità ha poi sottolineato l’esigenza di una normativa internazionale per superare lo squilibrio “tra il valore che la produzione di contenuti editoriali genera per il sistema di internet nel suo complesso e i ricavi che gli editori online sono in grado di percepire dalla propria attività”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.