• Mondo
  • giovedì 6 Gennaio 2011

Le cinque più assurde teorie cospirazioniste sul Mossad

Il servizio segreto israeliano si è reso protagonista di operazioni spregiudicate, ma alcune non sono vere

Il Mossad, il servizio segreto israeliano, è noto da sempre per la sua efficienza e la spietatezza. Questo mito si deve al fatto che nel corso della sua storia il Mossad ha effettivamente condotto operazioni elaborate e spregiudicate, spesso fuori dalla legalità. La più famosa è quella con cui l’intelligence israeliana ha eliminato quasi tutti i dodici responsabili degli attentati di Monaco. Durante le Olimpiadi del 1972 alcuni esponenti del movimento terrorista palestinese Settembre Nero fecero irruzione negli alloggi olimpici degli atleti israeliani uccidendone due e prendendone in ostaggio altri nove. L’operazione del Mossad è iniziata nel 1973 e si è conclusa nel 1988: a parte un terrorista ucciso da un rivale e un altro deceduto per morte naturale, tutti gli altri sono stati rintracciati e uccisi dagli agenti del Mossad.

Un’altra operazione entrata nella leggenda è l’operazione Entebbe. Il 27 giugno del 1976 un volo proveniente da Tel Aviv venne dirottato da quattro terroristi. I dirottatori, due palestinesi e due tedeschi, fecero atterrare l’aereo a Bengasi, in Libia: lì restarono per sette ore e liberarono una donna. Poi decollarono nuovamente, stavolta diretti in Uganda, dove speravano di ottenere appoggio dal dittatore ugandese Idi Amin. Amin in effetti li aiutò e fece atterrare l’aereo. I dirottatori chiedevano la liberazione di 40 palestinesi detenuti in Israele. Rilasciarono gli ostaggi, eccetto gli israeliani, gli ebrei e l’equipaggio dell’aereo, che decise di restare. Il Mossad nel frattempo rintracciò l’azienda che aveva costruito il terminal in Uganda, che era israeliana. Prelevò alcuni dei suoi tecnici, li portò in una località segreta e fece costruire loro una replica esatta dell’aeroporto. Gli ostaggi rilasciati collaborarono e fornirono informazioni e dettagli sull’organizzazione dei dirottatori. Poi partì il raid. Quattro aerei militari atterrarono in Uganda, di notte e senza l’aiuto della torre di controllo. Una Mercedes nera si avviò verso l’aeroporto, simulando la visita del presidente Amin allo scopo di distrarre ugandesi e militari. Il finto corteo presidenziale arrivò al terminal dove erano rinchiusi i passeggeri. Lì si aprirono gli sportelli delle auto: gli israliani uscirono dai loro mezzi, fecero irruzione nel terminal e urlarono – in ebraico – di stare giù. Gli ostaggi si gettarono a terra, i terroristi restarono in piedi. Alla fine del raid, sei dirottatori vennero uccisi. Dei 103 ostaggi, soltanto tre morirono: uno ucciso per errore dagli israeliani, gli altri due colpiti dagli ugandesi. Gli israeliani persero un solo uomo (il fratello dell’attuale premier Netanyahu, tra l’altro).

Questa fama però ha portato al Mossad anche il millantato coinvolgimento in decine di teorie complottiste: di fatto non esiste teoria cospirazionista che non veda, al centro o come comprimario, un ruolo del Mossad. Per stare alla più recente: secondo vari quotidiani pakistani e mediorientali il Mossad sarebbe dietro Wikileaks. Ma ce ne sono molte altre. Alcune tra le più fantasiose e improbabili sono riportate in un articolo pubblicato da Joshua E. Keating su Foreing Policy. Eccole.

Gli avvoltoi di Sion
Questa settimana in Arabia Saudita le forze dell’ordine hanno preso in custodia un avvoltoio. Una sua zampa era legata a un braccialetto con su scritto “Università di Tel Aviv”. Gli scienziati israeliani hanno spiegato che il volatile faceva parte di uno studio sulle migrazioni, ma la popolazione locale ha dichiarato alla stampa che l’avvoltoio era in realtà parte di un complotto sionista. La teoria è stata ripresa da blog e siti internet egiziani che hanno sostenuto che Israele stava addestrando degli uccelli per spiare i paesi arabi. Gli scienziati israeliani hanno ribadito che molti altri uccelli impiegati nella ricerca avevano raggiunto l’Arabia Saudita; la maggior parte sembra essere morta, ma un avvoltoio starebbe ancora svolazzando vivo e vegeto – senza dubbio trasportando informazioni d’importanza vitale per lo stato di Israele.

Gli squali di Israele
Lo spunto per questo complotto israeliano ai danni dell’Egitto sarebbe stato fornito dal film “Lo squalo”, prodotto nel 1975 dal noto regista – ovviamente ebreo – Steven Spielberg. La trama del film è diventata realtà lo scorso inverno al largo delle coste egiziane del Mar Rosso, quando uno squalo ha attaccato cinque turisti uccidendone uno. Secondo parte della stampa egiziana, sarebbero stati proprio gli israeliani a introdurre uno squalo in quella zona, per danneggiare il turismo del paese. Un sub di Sharm el Sheik infatti ha affermato durante un programma televisivo che non solo gli squali non nuotano abitualmente in quelle acque, ma che un suo amico sub aveva recentemente trovato un piccolo squalo con un GPS attaccato sulla schiena: l’apparecchio indicava che l’animale stava per essere introdotto in mare egiziano. I biologi marini egiziani hanno respinto la teoria cospirazionista, mentre il governatore della regione del Sinai meridionale si era detto possibilista. Foreign Policy riporta anche una notizia – forse non molto attendibile – sulla fine dello squalo: sarebbe stato ucciso da un turista serbo ubriaco che l’avrebbe travolto gettandosi a bomba da un trampolino.

1 2 Pagina successiva »