• Italia
  • mercoledì 3 maggio 2017

Cosa dice il procuratore Zuccaro dei migranti

Ha detto in Senato che l'Italia non può accogliere i migranti economici e che i legami tra scafisti e ong gli risultano «da internet»

Il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro in commisione Difesa del Senato. (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Oggi il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro è stato ascoltato dalla commissione Difesa del Senato, per spiegare le sue accuse riguardo a un presunto legame tra le ONG che si occupano di ricerca e soccorso dei migranti nel Mediterraneo e le organizzazioni criminali libiche che si occupano di traffico degli esseri umani. Zuccaro ha confermato il suo sospetto, e anche di non avere prove: ha quindi chiesto «di essere messo nelle condizioni di poter indagare su queste organizzazioni di trafficanti, è uno sforzo che vale la pena. Sono forti e in grado di impedire la formazione di un governo ufficiale nello Stato libico».

Zuccaro ha parlato del presunto rapporto e delle comunicazioni tra scafisti e ONG, dicendo che le informazioni non gli sono arrivate dai servizi segreti, come lui stesso aveva detto, ma dalla Marina Militare, da Frontex e dalla Guardia Costiera e ha aggiunto che l’esistenza di questi legami «ci risulta anche da internet, perché su internet vengono messi in rete quelli che sono i dati sulla posizione in cui si trovano le ONG. Quindi chiunque vi possa attingere lo fa, senz’altro».

Zuccaro ha anche detto che la Guardia costiera non sembra essere sufficiente a coordinare le operazioni di soccorso e che per facilitare il suo lavoro di indagine, ha lasciato intendere, servirebbe un maggior coinvolgimento della magistratura nelle operazioni. Tra le proposte per rendere possibili le indagini, Zuccaro ha ipotizzato di intercettare tutte le chiamate di soccorso fatte con i telefoni satellitari dagli scafisti o dai migranti. Ha poi proposto che ci siano agenti della polizia giudiziaria a bordo delle navi delle ONG, che dovrebbero avere l’obbligo di battere bandiera del paese in cui ha sede la ONG. Durante il suo colloquio, Zuccaro ha dato un parere personale sul fenomeno migratorio, dicendo:

Vi sono però anche altri interessi in gioco che vanno considerati, e tra questi l’impossibilità a mio avviso di ospitare in Italia la migrazione di carattere economico.

Una settimana fa Zuccaro aveva detto di avere indizi sul legame tra ONG e scafisti, e aveva ipotizzato che questa alleanza avrebbe potuto avere lo scopo di «destabilizzare l’economia italiana per trarne dei vantaggi». La procura di Catania sta indagando sulla questione, anche se è solo un’indagine “conoscitiva” e non ci sono indagati. Zuccaro aveva detto di essere certo che alcune piccole ONG facciano affari con gli scafisti, ma di non avere prove che si possano usare in tribunale. Aveva detto tra le altre cose di aver ascoltato una misteriosa intercettazione in arabo in cui alcuni scafisti si accordavano con il capitano di un’imbarcazione di una ONG perché raccogliesse alcuni migranti. Il suo sospetto principale, aveva detto, è che alcune di queste ONG siano state finanziate in maniera illecita poiché, secondo lui, hanno equipaggiamenti e veicoli troppo costosi e che non si potrebbero permettere diversamente.

Mostra commenti ( )