Francesco Saverio Romano

«Fai una cosa, mandami un fax»

Il Corriere racconta i rapporti tra il ministro Romano, accusato di corruzione aggravata dal favoreggiamento a Cosa nostra, e un prestanome di Ciancimino