Cameron, l’immigrazione e l’Unione Europea

Il tema dell’immigrazione e quello del futuro del Regno Unito all’interno dell’Unione Europea sono due punti strettamente connessi nell’agenda politica del primo ministro britannico David Cameron, da più di un anno ormai. Il primo passo è stato l’annuncio fatto nel gennaio 2013 di voler proporre un referendum – in caso di una rielezione alle prossime elezioni politiche, in programma nel maggio 2015 – sulla permanenza del paese all’interno dell’UE, seguito dalla presentazione alla Camera dei Comuni, il 10 ottobre scorso, dell’Immigration Bill: una legge che fa parte di un piano (molto discusso) di contrasto all’immigrazione clandestina, con l’obbiettivo di riformare il sistema degli allontanamenti e degli appelli “rendendo più facile e più veloce allontanare coloro che non hanno il diritto di essere qui”.

La legge prevede una serie di nuovi controlli: sui contratti di affitto, che dovrebbero essere negati a quei cittadini che non sono in grado di dimostrare di essere nel Regno Unito legalmente, ulteriori verifiche sui datori di lavoro e altre ancora a carico delle banche. Si vuole inoltre contrastare il cosiddetto “turismo della salute”, cioè l’utilizzo del sistema sanitario pubblico britannico (NHS, National Health Service) da parte dei cittadini stranieri. Nel luglio del 2013 il ministro della Sanità Jeremy Hunt aveva parlato di un contributo di circa 200 sterline l’anno (235 euro) per tutti gli immigrati provenienti dai paesi che non fanno parte dell’Unione Europea, inclusi gli studenti.

Sono state supposte inoltre delle misure contro la libera circolazione, provvedimenti a favore del blocco dei sussidi di disoccupazione nei primi tre mesi senza lavoro per gli immigrati e la sospensione dei contributi sulla casa. Fino all’espulsione per un anno verso chi non dimostra di cercare attivamente un lavoro. Insomma, una serie di norme previdenziali più severe. Lo scopo è quello di rallentare, per così dire, l’ingresso di cittadini europei provenienti dai paesi (su tutti Bulgaria e Romania) che dal primo gennaio 2014 hanno acquisito gli stessi diritti di quelli che già facevano parte dell’UE, dopo cinque anni di transizione.

Guardando al futuro, le misure dovrebbero riguardare tutti i cittadini dei paesi che entreranno a far parte dell’Unione Europea, limitandone di fatto la libera circolazione. Con il passare dei mesi il tema dell’immigrazione è diventato il punto politico più dibattuto dai partiti, e rappresenta oggi il principale punto di scontro in vista delle elezioni europee del maggio prossimo. Cameron ha annunciato l’obiettivo di ridurre a meno di 100mila unità l’immigrazione netta annuale di lungo periodo: si tratta della differenza tra chi si trasferisce nel Regno Unito e chi invece decide di lasciare il paese.

Il buon risultato ottenuto dal Partito per l’Indipendenza del Regno Unito (UKIP, un partito antieuropeista) alle elezioni locali di diverse contee del maggio 2013 – considerato all’epoca un test importante per la coalizione di governo guidata da Cameron – ha contribuito in larga parte a rafforzare le posizioni del Partito Conservatore. O meglio, a forzare l’agenda politica del governo. Su questi temi la posizione del leader del Partito per l’Indipendenza del Regno Unito, Nigel Farage, è stata ancora più netta (5 anni di blocco dei sussidi agli immigrati che non hanno un lavoro), a cui ha fatto seguito quella del sindaco di Londra, Boris Johnson (2 anni di blocco dei sussidi).

L’iter parlamentare del Referendum Bill, il disegno di legge che prevede l’istituzione di un referendum entro il 2017, così come era stato formulato dal Partito Conservatore, è stato però bloccato. La discussione si è arenata alla camera alta del Parlamento britannico a causa di un voto contrario a una serie di norme procedurali da parte del Partito Laburista e dei Liberal Democratici (che fanno parte della coalizione di governo guidata da Cameron).

Nella sostanza il Partito Laburista non è sembrato essere del tutto contrario all’istituzione del referendum (a dividere i due partiti sono i tempi, in quanto i laburisti non vorrebbero neanche parlarne prima delle elezioni politiche del 2015). D’altra parte invece l’idea di come Cameron concepisce il rapporto tra il Regno Unito e l’Unione Europea è stata coerente in tutti questi mesi, fin dal suo discorso alla nazione del 23 gennaio 2013. E recentemente ha ribadito: «Dal Regno Unito non vogliamo un’unione sempre più stretta con la UE, vogliamo avere degli scambi commerciali e cooperazione». Il tema di un riposizionamento del Regno Unito all’interno dell’Unione Europea e il tema dell’immigrazione sono stati portati avanti dal Partito Conservatore in modo interconnesso per cercare di poter rinegoziare una serie di altre questioni, politiche ed economiche, nei confronti delle istituzioni europee.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.