Yoshinori Ohsumi, vincitore del premio Nobel per la medicina nel 2016, offre una bottiglia di sake al primo ministro giapponese Shinzo Abe a Tokyo il 31 ottobre 2016 (REUTERS/Toru Hanai/Pool)

Un regalo di Natale al giorno: -19

Tre cose per scoprire il sake, da regalare insieme, accoppiate o separate

Yoshinori Ohsumi, vincitore del premio Nobel per la medicina nel 2016, offre una bottiglia di sake al primo ministro giapponese Shinzo Abe a Tokyo il 31 ottobre 2016 (REUTERS/Toru Hanai/Pool)

Da qualche anno, quando arriva dicembre, ci spremiamo le meningi per dare qualche idea a chi vuole (o deve, costretto dalle circostanze) fare i regali di Natale. Un regalo di Natale al giorno, ogni giorno per un mese, fino al 24 dicembre. Se questo non fa per voi, ci riproviamo domani. Se anche domani non farà per voi, ricordatevi che c’è sempre la mozione Flanagin.

Se avete amici o parenti appassionati di cultura e cibo giapponese o esperti degustatori di vini e birre in cerca di nuovi hobby, potreste regalare loro un piccolo “viaggio” alla scoperta del sake. Il sake (che si legge sakè) è una tipica bevanda giapponese che viene dalla fermentazione del riso: ha una gradazione alcolica simile a quella del vino e può essere servito freddo, caldo o a temperatura ambiente. Trenta Editore, casa editrice che si occupa di libri a tema enogastronomico, ha da poco pubblicato Guida al sakè – La bevanda, le temperature, i bicchieri e gli abbinamenti, che raccoglie molto di quello che c’è da sapere per approcciarsi a questa bevanda per la prima volta. L’autore è l’italiano Lorenzo Ferraboschi che, dopo aver vissuto anni in Giappone, nel 2015 fondò Sake Company insieme alla moglie Maiko Takashima, per portare il sake e la cultura del sake in Italia.

La guida costa 15 euro e potete regalarla da sola o insieme a qualcos’altro. Per esempio una bottiglia di sake, comprandola online su Tannico o sul sito di Sake Company (con consegna in 2/4 giorni): se non volete sbagliare potete guardare la sezione del sito dedicata agli abbinamenti e sceglierne una sulla base del tipo di piatto che pensate sia più adatto per la persona a cui volete regalarla. Non tutti lo sanno, ma il sake può essere abbinato praticamente con tutto. È difficile sbagliare bottiglia perché non esistono sake di maggiore o minore qualità: quelli più economici (sui 20 euro) sono solitamente più corposi e adatti a essere abbinati con piatti pesanti, mentre quelli più costosi sono più lavorati e si accompagnano bene al sushi o in generale ad alimenti più raffinati.

Un altro regalo a tema che potete valutare è un corso della Sake Sommelier Association. Il corso d’introduzione al sake dura un giorno, costa 180 euro e nell’arco del 2022 ci sono varie date in varie città italiane. Barbara Carbone, fondatrice di Trenta Editore, ha raccontato di aver avuto l’idea di pubblicare Guida al sake dopo aver fatto il corso da sake sommelier in pieno lockdown ed esserne rimasta affascinata.

Uno degli scaffali di Sakeya, casa del sake aperta a Milano nel 2016 e curata tra gli altri da Lorenzo Ferraboschi. È il negozio con la maggior offerta di sake in Italia (il Post)

Sei in cerca di altre idee per Natale? Puoi dare un occhio a tutti i suggerimenti quotidiani che abbiamo messo insieme finora oppure a una delle nostre liste:
– 2o idee per fare regali di Natale spendendo al massimo 20 euro
– 15 idee per fare regali di Natale spendendo tra i 20 e i 60 euro
– 20 idee per regali di Natale di prezzi vari
– 21 libri consigliati dalla redazione del Post per Natale
– 15 idee per regali di Natale sotto i 120 euro
– 15 idee per regali di Natale da fare a bambine o bambini
15 idee per regali di Natale per la generazione Z

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.