Roma, Italia (ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)
  • Italia
  • lunedì 24 Maggio 2021

Da oggi tutta l’Italia è in zona gialla

Inclusa l'ultima regione che era ancora in zona arancione, cioè la Valle d'Aosta

Roma, Italia (ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)

Da oggi, lunedì 24 maggio, tutte le regioni italiane sono in zona gialla, compresa la Valle d’Aosta, che era l’unica regione ancora in zona arancione. Non ci sono regioni o province autonome in zona rossa o in zona bianca.

In base al monitoraggio settimanale dei contagi da parte dell’Istituto superiore di sanità, la scorsa settimana è stata la prima del 2021 in cui nessuna regione ha superato la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva (19%), e c’è stata una netta diminuzione del numero di persone ricoverate, che sono passate da 2.056 della settimana precedente a 1.689. Inoltre il numero di nuovi casi ha avuto un netto calo, così come i decessi e il tasso di positività dei tamponi.

Il buon andamento dei contagi ha spinto il governo ad approvare il 17 maggio un nuovo decreto legge per anticipare alcune riaperture. I centri commerciali hanno potuto riaprire anche nei giorni festivi dal weekend del 22-23 maggio, e la riapertura delle palestre è stata anticipata al 24 maggio. Il decreto prevede anche che dal primo giugno i ristoranti potranno ricominciare a fare servizio al chiuso a pranzo e cena.

Le cose da sapere sul coronavirus

– Leggi anche: Ci è voluto tanto a riconoscere che il coronavirus si trasmette per via aerea

Il coprifuoco è stato spostato dalle 22 alle 23 nelle regioni in zona gialla; dal 7 giugno verrà ulteriormente spostato alle 24 e infine completamente abolito dal 21 giugno. Questi limiti orari non si applicano nelle regioni in zona bianca (al momento nessuna), dove non è previsto nessun tipo di coprifuoco.

Il decreto legge ha introdotto anche alcune novità per quanto riguarda la certificazione verde, cioè i cosiddetti “pass vaccinali” che dimostrano l’avvenuta vaccinazione oppure la negatività al coronavirus. La durata di validità della certificazione è stata portata da 6 mesi a 9 mesi «dalla data del completamento del ciclo vaccinale».