(Zoltan Mathe/MTI via AP)

Il governo ungherese di Viktor Orbán ha assunto i pieni poteri

Ha di fatto sospeso il Parlamento, sospeso le elezioni e imposto il carcere per chi diffonde "notizie false", citando come ragione l'epidemia ma senza una scadenza

(Zoltan Mathe/MTI via AP)

Il Parlamento dell’Ungheria ha approvato una legge che permette al governo del primo ministro Viktor Orbán di approvare leggi al posto del Parlamento senza limiti di tempo, giustificandola con la necessità di gestire in maniera più efficace la diffusione del coronavirus. Da diversi anni l’Ungheria, che fa parte dell’Unione Europea dal 2004, è diventato un paese a guida semi-autoritaria per via di decine di controverse misure prese dal governo Orbán: il voto di oggi è considerato un ulteriore passo in quella direzione.

Oltre all’ampliamento dei poteri del governo, le nuove misure prevedono la sospensione delle elezioni e la possibilità da parte del governo di violare alcune delle leggi in vigore, oltre a un massimo di cinque anni di carcere per chi diffonde notizie false che mettano in cattiva luce la gestione del coronavirus da parte dello Stato.

La legge è stata approvata con 137 voti a favore, 53 contrari e 9 astensioni. Politico scrive che le nuove misure «potranno essere cancellate soltanto con un voto a maggioranza di due terzi dal Parlamento e la firma del presidente». L’unico partito che potrà rimuoverle, quindi, sarà quello che fa capo a Orbán, Fidesz, che controlla 117 parlamentari su 199 e assieme al suo alleato di governo del Partito Popolare Cristiano Democratico esprime più dei due terzi dei seggi in Parlamento.

Un portavoce della rispettata ong Human Rights Watch ha scritto che da oggi l’Ungheria «diventa una dittatura in piena regola». Nei giorni scorsi simili timori su questa legge erano stati espressi sia dall’ONU sia dal Consiglio d’Europa, la principale istituzione europea che si occupa di diritti umani e protezione dello stato di diritto.

Vuoi capire meglio cosa succede in Europa?

Le cose da sapere sul coronavirus

Negli anni Orbán ha approvato diverse norme che limitano la libertà di stampaha avuto posizioni molto discriminatorie verso i musulmani, i rom e gli ebrei e ha portato avanti una dura campagna contro i migranti introducendo leggi che criminalizzano l’immigrazione clandestina, oltre a garantire ricchi contratti statali al suo circolo ristretto e accentrare nelle mani del suo partito il potere giudiziario.

– leggi anche: «L’Ungheria è persa»

Un anno e mezzo fa il Parlamento Europeo ha chiesto per la prima volta nella sua storia la cosiddetta “opzione nucleare” contro l’Ungheria, cioè il processo per privarla dell’esercizio di voto nelle istituzioni europee, e il gruppo politico a cui appartiene Fidesz ha da tempo sospeso il partito a tempo indeterminato. Il governo ungherese viene difeso soltanto dai partiti di estrema destra come la Lega di Matteo Salvini – che ha incontrato e lodato spesso Orbán – il Rassemblement National di Marine Le Pen e Vox, il principale partito di estrema destra in Spagna.

Alcuni giorni fa il portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs, rispondendo ad alcuni timori avanzati dall’ONU, aveva scritto che le critiche alle nuove misure «non sono soltanto false ma anche diffamatorie, e ostacolano gli sforzi del governo nella gestione del coronavirus».