Bernie Sanders a Manchester la notte delle elezioni in New Hampshire, 11 febbraio 2020 (AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)
  • Mondo
  • mercoledì 12 febbraio 2020

Sanders ha vinto in New Hampshire, di poco

Il senatore del Vermont era il grande favorito ma Pete Buttigieg gli è arrivato molto vicino; terza a sorpresa Amy Klobuchar, molto male Elizabeth Warren e Joe Biden

di Francesco Costa – @francescocosta
Bernie Sanders a Manchester la notte delle elezioni in New Hampshire, 11 febbraio 2020 (AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Bernie Sanders ha vinto nelle primarie del New Hampshire per scegliere il candidato del Partito Democratico statunitense alle elezioni presidenziali del prossimo novembre. Quando lo scrutinio è arrivato all’89 per cento, Sanders è avanti col 25,8 per cento seguito da Pete Buttigieg con il 24,1 per cento e da Amy Klobuchar col 19,8 per cento. Dietro di loro, con un largo distacco, ci sono Elizabeth Warren e Joe Biden. I risultati di Sanders e Buttigieg erano stati previsti dai sondaggi, seppure non con un distacco così ridotto; Klobuchar ha molto superato le aspettative, mentre Warren e Biden le hanno deluse.

Bernie Sanders, senatore del Vermont, era il grande favorito in New Hampshire, avendo stravinto nello stato le primarie del 2016 contro Hillary Clinton e avendo oggi la più grande disponibilità economica e la più capillare organizzazione territoriale; negli ultimi giorni di campagna elettorale aveva attratto ai suoi comizi più persone di qualsiasi altro candidato, soprattutto giovani. Il suo vantaggio però è molto meno ampio di quanto ci si aspettasse, e sicuramente meno ampio di quanto sarebbe servito per piegare a suo favore la campagna elettorale. L’affluenza è stata alta, superiore almeno a quella del 2016, cosa che Sanders aveva indicato come condizione per una sua netta vittoria, ma questa circostanza non sembra averlo favorito. Nelle prossime ore si capirà se supererà quella più alta di sempre, registrata nel 2008, di 285mila votanti: al momento siamo a 278mila.

Dietro di Sanders il candidato messo meglio sembrava da giorni Pete Buttigieg, ex sindaco di South Bend, reduce da un risultato sorprendentemente molto positivo in Iowa e arrivato secondo in New Hampshire. Alla luce del risultato così equilibrato, durante la serata l’umore nel quartier generale di Sanders si è fatto piuttosto mesto, mentre da Buttigieg si festeggiava. Buttigieg però è atteso ora dalla parte più complicata della sua campagna elettorale: dovrà dimostrare di essere competitivo anche in stati molto diversi dal punto di vista etnico, avendo faticato fin qui a ottenere il sostegno delle persone non bianche.

La storia della settimana durante la campagna elettorale è stata però l’ascesa della senatrice Amy Klobuchar, che dopo essere stata la candidata più convincente al confronto televisivo di venerdì 7 aveva cominciato a raccogliere sempre più consensi e curiosità in giro per lo stato come opzione efficace e competente tra chi cerca soprattuto un candidato responsabile e con esperienza: il suo terzo posto, così vicino al primo e al secondo, è la sorpresa di questa notte. I più in difficoltà in campagna elettorale erano stati invece la senatrice Elizabeth Warren e soprattutto l’ex vicepresidente Biden, difficoltà confermate dal voto: i primi exit poll dicono che Warren è andata malissimo anche tra le donne con un alto titolo di studio, il segmento demografico teoricamente a lei più favorevole, mentre Biden ha addirittura annullato il suo evento di chiusura della campagna e lasciato lo stato prima dell’inizio dello scrutinio. Tra le seconde linee è andato male l’imprenditore Andrew Yang, che ha sospeso la sua campagna elettorale.

Questo folto gruppo di candidati viene solitamente diviso in due gruppi, i “moderati” e i “radicali”, ma le parole possono ingannare. I candidati definiti “moderati” – Biden, Buttigieg e Klobuchar – sono interpreti della linea politica storicamente mainstream all’interno del partito, che non è particolarmente centrista: sulla sanità, per esempio, la loro proposta (un piano di assicurazione pubblico e non profit) è più a sinistra della storica riforma sanitaria approvata dall’amministrazione Obama. I candidati definiti “radicali” – Sanders e Warren – hanno una proposta politica accomunata da una critica al capitalismo statunitense e alla corruzione di Washington, e dalla richiesta di un più forte ruolo dello stato in economia; soprattutto Sanders, che raccoglie molti consensi tra i giovani, ha contribuito a spostare molto a sinistra la linea politica del Partito Democratico in una polarizzazione in qualche modo speculare a quella avvenuta negli ultimi anni nel Partito Repubblicano.

Il New Hampshire è il secondo stato che partecipa alle elezioni primarie per la scelta dei candidati alla presidenza degli Stati Uniti, ma il primo a tenere delle vere e proprie primarie; nel primo stato in cui si è votato, l’Iowa, si usa l’articolato sistema dei caucus, che peraltro la settimana scorsa ha prodotto una situazione caotica e non ha fornito risultati certi fino a pochi giorni fa, quando è diventato chiaro che Pete Buttigieg aveva vinto per numero di delegati – cioè le persone che parteciperanno alla convention che sceglierà formalmente la persona candidata – e Bernie Sanders aveva vinto per numero di voti.

– Leggi anche: Cosa è andato storto alle primarie in Iowa

Il New Hampshire è uno stato Nord-Orientale e il quinto stato americano più piccolo, e ha un’economia basata oggi soprattutto sul settore dei servizi, con un settore agricolo e uno manifatturiero che si sono contratti molto negli ultimi decenni. Il suo motto è “Live Free Or Die”, e riassume bene la cultura dei suoi abitanti: è uno dei pochissimi nei quali non è obbligatorio indossare il casco in moto o le cinture di sicurezza in macchina; è stato il primo posto in America a legalizzare i matrimoni gay con una decisione del Congresso locale e non di un giudice; non prevede tasse sul reddito né la sales tax, una specie di IVA. Oggi esprime solo senatori e deputati del Partito Democratico, ma è uno stato contendibile dal punto di vista politico: alle elezioni presidenziali del 2016 Hillary Clinton vinse per appena lo 0,4 per cento.

Le primarie del New Hampshire erano aperte a tutti gli elettori registrati nelle liste elettorali, ma quelli registrati come Democratici potevano votare solo alle primarie del Partito Democratico mentre quelli Repubblicani potevano votare solo alle primarie del Partito Repubblicano. In ogni seggio era possibile cambiare temporaneamente la propria registrazione per poter votare, ma non era possibile votare per entrambe le primarie. Il risultato delle primarie del Partito Repubblicano non è mai stato in discussione: il presidente uscente Donald Trump gode di un ampio e forte sostegno da parte della larghissima maggioranza della base del partito e non ha sfidanti minimamente rilevanti, tanto che ha vinto con oltre l’85 per cento dei voti.

I prossimi stati in cui si voterà saranno il Nevada il 22 febbraio e il South Carolina il 29 febbraio; prima ci saranno altri due dibattiti televisivi il 19 e il 25 febbraio. Il successivo appuntamento sarà il più importante – e potenzialmente decisivo – dell’intera campagna: il cosiddetto Super Tuesday, cioè martedì 3 marzo, quando si voterà in quattordici stati contemporaneamente. Quelle del Super Tuesday saranno fra l’altro le prime primarie in cui competerà l’imprenditore ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha deciso di non partecipare attivamente alle primarie di febbraio per concentrarsi da subito sugli stati più grandi e popolosi, e sta finanziando la campagna elettorale interamente con il suo enorme patrimonio. Per vincere le primarie bisogna ottenere la maggioranza assoluta dei delegati.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.