Le 25 cose più lette su Wikipedia nel 2019

Soprattutto film e serie tv, una sola cantante e due politici, almeno nella versione in inglese dell'enciclopedia online

Wikimedia, la fondazione senza fini di lucro che gestisce tra le varie cose Wikipedia, ha pubblicato una lista delle cose più lette nel 2019 sulla versione inglese dell’enciclopedia online (una lista delle cose più lette in italiano non c’è). Tra le 25 cose più lette ci sono soprattutto pagine di film e serie tv, con al primo posto Avengers: Endgamema sono presenti anche l’ultima stagione di Game of ThronesJoker e C’era una volta a… HollywoodAl secondo posto, come sempre, c’è la pagina con tutte le morti dell’anno, seguita da quella sul serial killer statunitense Ted Bundy, la cui storia quest’anno è stata raccontata sia in un film con Zach Efron che in un documentario di Netflix.

Leggi anche: I video più popolari su YouTube nel 2019

Sono state molto lette anche la pagina del disastro di Chernobyl, a causa della serie di HBO, e quella su Freddy Mercury, probabilmente per il film Bohemian RhapsodyTra le pagine relative a casi di cronaca più lette ci sono quella su Jeffrey Epstein e quella sul rapper Nipsey Hussle. La prima cantante della lista è Billie Eilish, al nono posto, mentre il primo politico è il presidente statunitense Donald Trump, al diciottesimo posto, seguito dalla deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez, al venticinquesimo.

La lista è stata stilata da un utente di Wikipedia, Andrew G. West, che ha messo insieme una serie di dati grezzi che Wikipedia mette a disposizione di tutti. Nella lista non si è tenuto conto della pagina principale di Wikipedia, che è sempre quella in assoluto più visitata del sito, e delle pagine che hanno avuto meno del 10 per cento o più del 90 per cento del traffico proveniente da dispositivi mobili, cosa che secondo Wikipedia potrebbe essere causata dall’utilizzo di bot e da qualche tipo di errore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.