(Drew Angerer/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 28 Ottobre 2019

L’ONU ha finito i soldi

A causa dei ritardi nei versamenti dei contributi da parte di alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti: la situazione è grave, ha detto il segretario António Guterres

(Drew Angerer/Getty Images)

Le Nazioni Unite stanno attraversando una grave crisi di liquidità a causa dei ritardi nei versamenti dei contributi da parte di alcuni paesi che ne fanno parte, tra cui Stati Uniti, Israele, Brasile, Argentina, Messico, Iran e Venezuela. Lo scorso 10 ottobre il segretario generale António Guterres ha inviato una lettera a tutti i dipartimenti, gli uffici e le missioni politiche speciali, per avvisarli della gravità del problema e dell’avvio di una serie di restrizioni valide da lunedì 14 ottobre e «fino a nuovo avviso».

Le misure prevedono il blocco delle assunzioni, degli acquisti di beni e servizi se non assolutamente necessari, limiti nelle traduzioni dei documenti e dei viaggi. Il riscaldamento e l’aria condizionata saranno in funzione negli uffici dell’ONU solo dalle 8 alle 18, gli ascensori e le scale mobili non essenziali saranno bloccate, così come la fontana esterna al Palazzo di Vetro. Guterres ha parlato di una «grave crisi finanziaria» e ha avvertito che se la situazione non cambierà le Nazioni Unite non saranno in grado di pagare nemmeno i salari di novembre dei dipendenti.

«Questa non è una crisi di bilancio, è una crisi di flusso di cassa», ha dichiarato durante una conferenza stampa Catherine Pollard, sottosegretaria generale responsabile della strategia di gestione dell’ONU. Le Nazioni Unite, ha detto, «dipendono dal fatto che gli stati membri rispettino i loro obblighi di contribuzione» per quel che riguarda il bilancio ordinario «in modo pieno e puntuale». Chandramouli Ramanathan, assistente del segretario generale per la pianificazione del programma, delle finanze e del bilancio, ha aggiunto che «il nostro lavoro e le nostre riforme sono a rischio» e che la situazione è così seria che l’Assemblea Generale di settembre è stata possibile solo grazie ai tagli fatti all’inizio dell’anno.

Le Nazioni Unite vengono finanziate sia su base obbligatoria che su base volontaria. I budget principali sono tre: quello ordinario, quello per le missioni di pace e quello per i tribunali, ma le Nazioni Unite sono un’organizzazione complicata composta da vari programmi, fondi e agenzie specializzate, che hanno budget e gestioni autonome. Semplificando, comunque: il budget ordinario – che serve a coprire le spese per il funzionamento dei principali organi delle Nazioni Unite e per il personale – è finanziato attraverso contributi obbligatori stabiliti su una formula che tiene conto del PIL lordo, ma che considera anche altri fattori, come il livello di indebitamento di ciascun paese. Il budget per le missioni di pace (stabilito per il biennio 2018-2019 a 6,7 miliardi di dollari) è composto da quote contributive per ciascun membro stabilite in modo simile a quelle del budget ordinario, con la differenza che i cinque paesi permanenti che compongono il Consiglio di Sicurezza sono tenuti a versare una quota più alta, mentre ai paesi meno sviluppati viene richiesto un contributo proporzionalmente più basso. I contributi volontari sono essenziali soprattutto per i fondi e i programmi dell’ONU come l’UNICEF.

Il budget delle Nazioni Unite per il prossimo anno è pari a 2,87 miliardi di dollari, ma restano 1,3 miliardi ancora da versare per il 2019. Secondo quanto riportato dal New York Times, gli Stati Uniti sono il paese che contribuisce maggiormente al bilancio all’ONU, con una quota pari a circa il 22 per cento del budget ordinario e pari al 28 per cento del bilancio calcolato separatamente per le operazioni di mantenimento della pace. Ma per l’anno in corso devono ancora versare 674 milioni di dollari, più 381 milioni di dollari per i precedenti bilanci ordinari. Tra i principali ritardatari ci sono poi il Brasile, l’Iran, Israele, il Messico, l’Argentina e il Venezuela, responsabili del 97 per cento del budget non pagato. Al 23 ottobre solo 133 stati su 193 si erano messi in pari con i contributi, Italia compresa. Nel frattempo il presidente statunitense Donald Trump, che ha spesso denigrato le Nazioni Unite, si è lamentato della quantità di denaro che il suo paese versa, chiedendo una riforma generale dell’ONU.