Joe Biden con il figlio Hunter nel 2010. (AP Photo/Nick Wass, File)
  • Mondo
  • lunedì 30 settembre 2019

La storia delle accuse a Joe Biden sull’Ucraina, dall’inizio

Da dove arriva la teoria cospirazionista promossa da Trump nelle ultime settimane, che gli è costata l'avvio della procedura di impeachment

Joe Biden con il figlio Hunter nel 2010. (AP Photo/Nick Wass, File)

Il caso più importante degli ultimi mesi nella politica statunitense, e che potenzialmente potrebbe diventare il più importante di tutta l’amministrazione di Donald Trump, riguarda la telefonata in cui il presidente statunitense chiese al suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky di indagare su un presunto caso di abuso di potere che aveva coinvolto Joe Biden, tra i favoriti delle primarie Democratiche per le prossime presidenziali. Per via di quella telefonata, i Democratici hanno deciso di avviare la procedura di impeachment contro Trump, una cosa gravissima e con pochi precedenti nella politica americana.

Le accuse contro Trump sono piuttosto semplici: aver cercato di reclutare una forza politica straniera per ottenere un vantaggio politico, cioè indebolire un potenziale avversario diretto come Biden. Ma per capire la storia è importante sapere anche il contesto, e cioè la teoria cospirazionista alimentata negli ultimi mesi da Trump e dalla destra americana su Biden e l’Ucraina. Le accuse contro l’ex vice presidente americano sono un misto di fatti veri e di altri inventati, e partono da una vicenda considerata all’unanimità spiacevole trasformandola in uno scandalo politico molto più grosso di quanto non sia realmente.

Hunter Biden e Burisma
La figura al centro di questa storia è il figlio di Joe Biden, Hunter: il fratello di Naomi, morta in un incidente stradale insieme alla moglie di Biden, e di Beau, il promettente politico morto di tumore al cervello nel 2015. Hunter è un po’ la “pecora nera”, nella famiglia Biden: di lui si è sempre detto che non era all’altezza del padre e del fratello, rispetto ai quali ebbe una ben più modesta carriera da consulente legale, lobbista e manager aziendale. Nel 2014, fu congedato dai riservisti della Marina perché trovato positivo al test della cocaina, ed era già stato coinvolto in un piccolo scandalo per via dell’acquisizione – poi fallita – di un fondo investimenti che si era conclusa con una causa legale.

Nell’aprile del 2014, Hunter Biden accettò l’incarico di membro del consiglio di amministrazione di Burisma Holdings, la più grande compagnia ucraina di gas naturale. Non aveva nessuna esperienza nel settore energetico né particolari conoscenze dell’Ucraina: semplicemente, aveva svolto in precedenza delle consulenze legali per la società sui regolamenti internazionali per le multinazionali. Biden era ben pagato per quell’incarico, fino a 50mila dollari al mese, anche se non è tuttora ben chiaro quali fossero i suoi compiti, ma si sa perché fu ingaggiato: Burisma voleva infatti darsi un’aria istituzionale ed esibire i propri rapporti con l’Occidente, in un periodo in cui l’Ucraina si stava spostando dall’orbita russa a quella europea.

L’uomo che ha messo Trump nei guai

A capo di Burisma c’era Mykola Zlochevsky, imprenditore ucraino che era stato ministro per l’Energia tra il 2010 e il 2012 nel governo di Viktor Yanukovych, il presidente vicino alla Russia deposto dopo le note proteste dell’inverno del 2013. Zlochevsky era un personaggio molto controverso, estesamente accusato di corruzione e che poche settimane prima dell’assunzione dell’incarico da parte di Biden era stato indagato dalle autorità britanniche, che gli avevano sequestrato 23 milioni di dollari in un conto londinese sospettando fossero frutto di un’operazione di riciclaggio.

Cosa c’entra Joe Biden
Una situazione che può sembrare già di per sé losca – il figlio del vicepresidente americano che entra nel CdA di una società petrolifera ucraina con una proprietà accusata di corruzione, e senza apparenti qualifiche – era però resa molto più controversa dal ruolo di Joe Biden. In quel periodo era infatti il più impegnato membro dell’amministrazione Obama in Ucraina, paese estremamente importante dal punto di vista geopolitico e che Biden stava cercando di attrarre verso l’orbita della NATO, sottraendolo all’influenza russa.

Quella di assumere familiari di influenti politici americani non è una pratica inedita per grandi aziende statunitensi o straniere, né è la prima volta che queste operazioni diventano dei piccoli scandali: successe per esempio con il fratello di Jimmy Carter, con Neil Bush, fratello di George W., e con Tony e Hugh Rodham, fratelli di Hillary Clinton. Ma per Hunter Biden le cose si complicarono quando uno dei principali impegni di suo padre diventò quello di combattere la corruzione nella burocrazia ucraina: della scarsa opportunità politica della decisione di Hunter Biden si parlò già allora, prima di tutti sul New York Times, ma ebbe poche attenzioni. La teoria del complotto nacque infatti anni dopo.

Viktor Shokin, l’uomo chiave
Nel febbraio del 2015 diventò procuratore generale dell’Ucraina Viktor Shokin, un magistrato che si era fatto una brutta fama internazionale, per aver bloccato alcuni processi a una serie di persone accusate di aver sparato sui manifestanti nelle proteste di Kiev e per essere stato troppo morbido in passato sulla corruzione. Nonostante Shokin avesse promesso di adottare un approccio severo sul tema, presto la comunità internazionale cominciò a essere insofferente nei suoi confronti.

L’ex procuratore generale ucraino Viktor Shokin. (AP Photo/Sergei Chuzavkov, File)

L’ambasciata americana in Ucraina si convinse che l’unico modo per far rigare dritto l’Ucraina era far rimuovere Shokin dal suo incarico, e così fece: nel marzo del 2016, Biden diede al governo ucraino poche ore per licenziare Shokin, altrimenti avrebbe bloccato uno stanziamento di aiuti da un miliardo di dollari. Il governo ucraino dovette acconsentire. Gli Stati Uniti non erano comunque soli a volere Shokin rimosso: erano d’accordo molti altri funzionali europei, e anche la direttrice del fondo monetario internazionale Christine Lagarde. 

Quando Shokin aveva assunto l’incarico, l’Ucraina aveva già avviato un’indagine su Burisma, cominciata dopo il sequestro dei fondi da parte delle autorità britanniche. Ma mentre al ministero della Giustizia c’era Shokin, l’indagine non fu portata avanti, ha dettoBloomberg il suo vice Vitaly Kasko, e in generale non fece molto per combattere la corruzione, cosa che portò Kasko a dimettersi. Sempre Bloomberg, poi, ha scoperto che, prima che diventasse procuratore generale, a Shokin – allora vice procuratore – era stata assegnata proprio l’indagine su Burisma. Si dimostrò però restio a procedere, tanto che la mancata collaborazione delle autorità ucraine costrinse quelle britanniche a sbloccare i 23 milioni sequestrati alla compagnia, che furono prontamente trasferiti a Cipro. Le critiche a Shokin per questo e altri episodi furono quelle che convinsero l’ambasciata statunitense e la comunità internazionale della necessità di sostituirlo, perché nel paese si procedesse davvero a combattere la corruzione endemica.

L’accusa di Trump
L’avvocato di Trump Rudy Giuliani, lo stesso Trump e in generale la destra americana sostengono però che le cose siano andate diversamente. Lo scorso luglio, Giuliani disse al New Yorker di aver parlato con Shokin, che gli avrebbe detto che prima di essere licenziato stava attivamente indagando su Burisma. L’accusa di Trump, quindi, è che Biden abbia fatto rimuovere Shokin per proteggere suo figlio: da qui la richiesta a Zelensky di indagare.

Ma questa accusa non è sostenuta da nessuna prova, oltre che dalle dichiarazioni di Shokin, parte in causa. Anzi: si ritiene che la decisione di Joe Biden possa aver messo in difficoltà il figlio, causando la rimozione di un procuratore generale che si sapeva essere morbido sul tema della corruzione e lasciando che venisse sostituito. I giornali americani hanno riportato le testimonianze di diversi diplomatici statunitensi in Ucraina che confermano la versione di Kasko, mentre il New York Times ha citato fonti americane e ucraine secondo le quali Shokin stava fingendo di voler investigare per ottenere una tangente da Zlochevsky, capo di Burisma. Negli ultimi giorni, poi, sono emersi nuovi resoconti su come andò la vicenda, che sembrano ridimensionare il ruolo avuto da Biden nella decisione di rimuovere Shokin, nata interamente nell’ambasciata statunitense in Ucraina.

In breve
In generale, tutti concordano sul fatto che l’incarico accettato da Hunter Biden fosse quantomeno sconveniente, e questo è stato estesamente rimproverato a Joe Biden, che si è limitato a dire che lui e suo figlio non ne discussero mai, e che anzi lui lo scoprì dai giornali. Il Washington Post ha scritto invece che l’argomento fu discusso da Biden e dal suo staff, secondo fonti anonime bene informate. Secondo quanto detto dallo stesso Hunter al New Yorker, suo padre gliene parlò un’unica volta: gli disse a un certo punto «spero che tu sappia quello che stai facendo».

Tutti i fatti e le inchieste pubblicate finora, in ogni caso, indicano che non solo non ci sia stato niente di illegale nel comportamento dei due, ma che anzi Joe Biden abbia agito contro gli interessi del figlio. Nella sua telefonata a Zelensky, poi, Trump avrebbe detto anche altre cose false: che Biden andasse in giro a vantarsi di aver bloccato l’indagine contro suo figlio, un’accusa poco plausibile oltre che senza prove.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.