Cosa dicono i sondaggi elettorali

E le proiezioni sui seggi in Parlamento elaborate da YouTrend, da tenere a mente nel caso si andasse a elezioni anticipate

Matteo Salvini (ANSA/Franco Cautillo)

Da giovedì sera non esiste più l’alleanza di governo tra Lega e Movimento 5 Stelle: la crisi non è ancora stata formalizzata – si apre quando viene meno il rapporto di fiducia tra il Parlamento e il governo, o quando il presidente del Consiglio presenta le sue dimissioni – ma lo sarà a breve, con probabili successive elezioni anticipate: magari già a ottobre, tra meno di 100 giorni. È tempo quindi di rimettersi a guardare cosa dicono i sondaggi elettorali, per capire come sono messe le forze in campo e per provare a immaginare gli scenari di un dopo-voto.

Prima di cominciare, conviene però tenere a mente alcune cose: sono sondaggi fatti prima di giovedì, quando ancora Lega e Movimento 5 Stelle erano a tutti gli effetti alleati di governo; e sono stati realizzati senza che due dei tre partiti principali (il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle) avessero un chiaro candidato alla carica di presidente del Consiglio, e senza che i partiti in corsa avessero chiarito le loro eventuali alleanze.

Se si votasse ora
A inizio agosto l’agenzia YouTrend aveva presentato una nuova edizione della sua Supermedia, che mette insieme le rilevazioni di cinque diversi istituti di statistica (Demopolis, Euromedia, Ipsos, SWG e Tecnè).

I dati elaborati da YouTrend dicono che la Lega continua a essere il primo partito con il 36,8 per cento dei voti, con il Partito Democratico al 21,7 per cento (in calo rispetto ai sondaggi delle settimane precedenti) e il Movimento 5 Stelle stabile al 17,6 per cento. Forza Italia è al 7,3 per cento, mentre Fratelli d’Italia segue a breve distanza ed è dato al 6,4 per cento. Tutti gli altri partiti (+Europa, i Verdi e La Sinistra) sono sotto al 3 per cento.

Cosa potrebbe succedere dopo il voto
YouTrend, in collaborazione con l’AGI, ha elaborato tre possibili scenari su come, in base a diverse alleanze, i voti degli italiani si trasformerebbero in posti in Parlamento. Sono elaborazioni in cui anziché di voti si parla di seggi, assegnati attraverso il sistema elettorale al momento in vigore: il cosiddetto “Rosatellum”, che si basa su un sistema misto, proporzionale e maggioritario. Per avere la maggioranza alla Camera servono 316 seggi, per averla al Senato servono 161 seggi.

• Il primo scenario possibile vede la Lega alleata con Forza Italia e Fratelli d’Italia, così come era stato per le elezioni del 2018. In questa prima simulazione il centrodestra unito otterrebbe 416 seggi alla Camera e 210 al Senato: cioè una maggioranza larghissima in entrambe le Camere, molto più ampia di quella ottenuta per esempio da Silvio Berlusconi nel 2001. Il questo scenario il centrodestra prenderebbe oltre i due terzi dei seggi al Parlamento, il PD otterrebbe 119 deputati e 57 senatori, il M5S 81 deputati e 40 senatori.

View this post on Instagram

ELEZIONI ANTICIPATE, LE SIMULAZIONI YOUTREND SCENARIO 1 – CENTRODESTRA UNITO Se si andasse ad elezioni anticipate con le stesse coalizioni del 2018 e i risultati fossero quelli rilevati dall’ultima Supermedia YouTrend/Agi (calcolata il 1° agosto 2019) la coalizione di centrodestra Lega-FI-FDI otterrebbe una maggioranza schiacciante sia alla Camera (con 416 seggi su 618) che al Senato (210 seggi su 309). In entrambe le Camere, quindi, il centrodestra avrebbe oltre i 2/3 dei seggi totali. Il dato tiene conto del valore “centrale” della stima dei collegi uninominali conquistati: vuol dire che, con le stesse percentuali di voto, i seggi effettivi potrebbero essere di meno o addirittura di più. Il gruppo di opposizione più consistente sarebbe quello di centrosinistra (cioè del Partito Democratico, unico partito dell’area progressista con più del 3% dei voti) con 119 seggi alla Camera e 57 al Senato, mentre il Movimento 5 Stelle eleggerebbe solo 81 deputati e 40 senatori.

A post shared by YouTrend (@you_trend) on

• Il secondo scenario presentato da YouTrend vede la Lega da sola, senza i partiti al momento guidati da Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni. In questo caso – sempre tenendo conto del fatto che la presenza di collegi uninominali previsti dal Rosatellum rende difficili le previsioni – il 36,8 per cento della Lega si tradurrebbe in 283 seggi alla Camera e 143 seggi al Senato: in entrambi i casi, troppo poco perché il partito governi da solo.

• Il terzo scenario è una via di mezzo, perché si immagina che con la Lega ci sia Fratelli d’Italia e non Forza Italia. In questo caso, scrive AGI, «il risultato sarebbe la conquista di una maggioranza piuttosto ampia – ma non al punto da raggiungere i 2/3 dei seggi come nel primo scenario». La coalizione sovranista Lega-FDI otterrebbe infatti 353 seggi alla Camera e 181 seggi al Senato.

AGI e YouTrend hanno presentato anche una serie di mappe che mostrano quello che potrebbe succedere nei collegi uninominali per ognuno dei tre scenari proposti, sempre che la legge elettorale non venga modificata.

E se invece non si votasse?
Visto che già ci siamo, è anche il caso di ricordare che nel Parlamento attuale sono possibili maggioranze alternative rispetto a quella M5S-Lega. Una sarebbe M5S-PD, un’altra è quella che in queste ore viene chiamata “coalizione Ursula”, perché sarebbe composta dai partiti che al Parlamento europeo hanno votato a favore della nomina di Ursula von der Leyen a presidente della Commissione: PD, M5S e Forza Italia. È un’ipotesi oggi irrealistica, è vero, ma va comunque tenuta a mente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.