Summer Street Party, Merthyr Vale, 2018 © Clémentine Schneidermann e Charlotte James
  • Moda
  • mercoledì 1 maggio 2019

Questa è moda, fidati!

"It's called ffasiwn" è un progetto fotografico sui bambini delle comunità sperdute del Galles, a metà strada tra la moda e il documentario

It’s called ffasiwn è un progetto fotografico che racconta con uno sguardo nuovo — delicato e umoristico – le Valleys, cioè le vallate del Galles meridionale, abitate da comunità sparse e conosciute soprattutto per le miniere di carbone e le dure condizioni di vita e di lavoro. Qui i protagonisti sono i bambini, vestiti in costume o con abiti alla moda e cromaticamente coordinati, in posa davanti a una casa, schierati su un muretto o che danzano lievi tra le colline, consegnando una nuova immagine di questi posti. L’idea è di due amiche, la direttrice creativa Charlotte James – che ha lavorato con aziende di moda come Helmut Lang – e la fotografa parigina Clémentine Schneidermann, trasferitasi in Galles dai tempi dell’università e conosciuta per I Called Her Lisa Marie, un libro fotografico dedicato ai fan di Elvis Presley.

L’aneddoto che ha ispirato il nome dice molto della natura del progetto, come racconta i-D: James aveva vestito 18 bambine per Halloween e mentre cercavano il posto dove scattare la foto incontrarono un gruppo di ragazzini che urlarono «ma come siete conciate? sembra stiate andando a un funerale!”; e una ragazzina rispose «questa è moda (it’s called fashion), fidati». Sono i ragazzini stessi a decidere come vestirsi, mentre James si riserva di scegliere il colore che è legato alla stagione: «rosso per San Valentino, giallo in estate», spiega. Da subito il progetto si è trasformato in una serie di laboratori in cui i bambini si divertono a giocare con gli abiti e i gioielli e a lavorare alla realizzazione del set; a volte hanno anche ricevuto piccole somme per comprarsi gli abiti in negozietti di beneficenza o dell’usato.

It’s called ffasiwn è quindi un progetto ibrido, che mette insieme fotografia documentaristica e fotografia di moda, insieme a uno spirito educativo e al desiderio di dare una nuova identità alle valli gallesi. Fino al 25 maggio sarà esposto alla Martin Parr Foundation di Bristol.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.