(Imaginechina via AP Images)
  • Moda
  • mercoledì 3 aprile 2019

8 loghi famosi e le loro storie

Sapete dove si trova il monte di Patagonia? E a chi si è ispirato Supreme? E da dove viene lo "swoosh"?

(Imaginechina via AP Images)

Il Wall Street Journal ha raccolto la storia di otto celebri loghi di aziende di moda: potranno venirvi in aiuto per fare conversazione, per vincere ai giochi da tavolo – o anche non da tavolo, come Live Quiz – o semplicemente per conoscere qualche bel racconto, che ruoti attorno a un ballo in maschera o a una valigetta in pelle di coccodrillo.

Lacoste

Lacoste

Lacoste

Ci sono più versioni sull’origine del soprannome di René Lacoste, il tennista francese che nel 1933 fondò il marchio associato in tutto il mondo a un piccolo coccodrillo. Tutte comunque hanno a che fare con una scommessa e una valigia in pelle di coccodrillo, desiderata e perduta da Lacoste. Una storia racconta che Lacoste l’avrebbe messa in palio nel 1923 prima di una partita con lo statunitense Alan Muhr a Boston; un’altra che l’avrebbe vista in una vetrina in compagnia di Pierre Gilou, capitano della squadra francese di Coppa Davis (cioè il torneo tennistico per nazioni); Gilou gliela avrebbe promessa se avesse vinto una partita importante, Lacoste perse la partita e la valigetta. Secondo altri venne invece chiamato Le Crocodile perché il suo stile di gioco ricordava quello di caccia dell’animale, che una volta afferrata la preda, non la molla più.


Burberry

Burberry

Nel 1901 Burberry, fondata nel 1856, organizzò una gara per trovare un nuovo logo: vinse il disegno di un cavaliere in armatura medievale, simbolo della missione dell’azienda di proteggere i britannici dalla pioggia. Nel logo c’era anche la parola latina “prorsum”, che significa “avanti”. Nel 2018 il nuovo direttore creativo Riccardo Tisci ha introdotto un nuovo logo, disegnato dal graphic designer Peter Saville: il cavaliere è stato eliminato, resta la scritta Burberry, London, England.

Brooks Brothers

Brooks Brothers

Brooks Brothers

Nel 1430 Filippo III duca di Borgogna fondò l’ordine del Toson d’oro, ispirato al vello rubato dagli Argonauti nella mitologia greca e che aveva come immagine una pecora sorretta da un nastro. Secoli dopo i mercanti europei la dipingevano sulle navi per indicare che commerciavano lana; nel 1850 l’azienda statunitense Brooks Brothers, fondata nel 1818, dipinse il logo sul suo portone, appropriandosene.


Lanvin

Lanvin

Lanvin

Nel 1889 la stilista francese Jeanne Lanvin arrivò a Parigi e aprì l’azienda che porta il suo nome; otto anni dopo nacque la sua unica figlia, Marguerite. Intanto gli affari andavano bene, l’azienda cresceva e aveva bisogno di un logo; nel 1923 Lanvin scelse una fotografia di lei che ballava a una festa in maschera con la figlia e chiese all’illustratore Paul Iribe di trasformarla in un’immagine.


Loewe

Loewe

Quando nel 2013 lo stilista britannico Jonathan Anderson divenne direttore creativo della spagnola Loewe, fondata nel 1846, introdusse un nuovo logo. Disegnato dall’agenzia creativa francese M/M è composto da quattro L a specchio ispirate al lavoro del tipografo tedesco Berthold Wolpe.


Nike

Nike

Nike

È una delle storie più famose quando si parla di loghi: qui ve la raccontammo nei dettagli mentre questa è la versione breve. Fu disegnato nel 1971 da Carolyn Davidson, una studentessa d’arte dell’università di Portland. Mentre si lamentava di non avere neanche i soldi per pagarsi i colori passò di lì Phil Knight, giovane professore associato di contabilità e co-fondatore della Blue Ribbon Sports. Knight le chiese di diversificare i prodotti della sua società dagli altri che importava e rivendeva; fu così che lei disegnò un logo apposta per un nuovo modello di scarpe, Nike. Mostrò a Knight varie proposte e lui scelse la meno peggio, dicendo che si sarebbe abituato; Davidson ci lavorò 18 ore in tutto e guadagnò 35 dollari. Sei anni dopo il nome Blue Ribbon Sports venne abbandonato per quello di Nike, mentre lo “swoosh” diventava uno dei loghi più famosi e riconosciuti al mondo.


Patagonia

Patagonia

Patagonia

Nel 1968 Yvon Chouinard fece un viaggio di sei mesi dalla California alla Patagonia, una regione divisa tra Cile e Argentina: da qui l’ispirazione per il nome dell’azienda di abbigliamento sportivo che fondò nel 1973. Il logo è il profilo del monte Fitz Roy, che si trova al confine tra i due Paesi.


Supreme

Supreme

Supreme

È uno dei loghi più famosi e copiati al mondo ed è a sua volta una sorta di plagio. Il fondatore James Jebbia si ispirò infatti alle scritte in Futura Italic delle opere di Barbara Kruger, artista statunitense famosa per le posizioni anti-consumiste.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.