• Mondo
  • domenica 10 marzo 2019

Un afroamericano è riuscito a prendere il controllo del più grande gruppo neonazista degli Stati Uniti

Ne ha manipolato il leader convincendolo che fosse una buona idea cedergli la presidenza, e ora vuole chiudere l'organizzazione

James Stern mostra i documenti secondo cui l'ex membro del Ku Klux Klan Edgar Ray Killen lo aveva nominato suo legale (AP Photo/Rogelio V. Solis)

Uno dei più grandi gruppi neonazisti e di suprematisti bianchi degli Stati Uniti, il National Socialist Movement (NSM), da qualche settimana ha un nuovo improbabile leader: l’afroamericano James Stern, un 54enne pastore della Chiesa battista e attivista per i diritti degli afroamericani, che è riuscito ad ottenere la presidenza dell’organizzazione aggirando il precedente presidente e ora progetta di smantellare il gruppo.

Il National Socialist Movement (NSM) è un gruppo di estremisti di destra fondato nel 1974 e con sede a Detroit, in Michigan. È considerato un movimento di estrema destra “vecchia scuola”: fino a non molto tempo fa aveva una svastica nel simbolo, poi sostituita con una runa oþalan, un simbolo comune ai partiti neonazisti; i suoi membri poi indossano spesso uniformi simili a quelle usate durante la Germania nazista e celebrano Adolf Hitler. Oggi ha circa 400 membri in tutti gli Stati Uniti, ma dopo essere diventato piuttosto grosso e influente tra gli anni Novanta e i primi anni Duemila, oggi è abbastanza in crisi soprattutto per la concorrenza della cosiddetta alt right, la nuova estrema destra americana.

La storia di come ora il NSM sia finito in mano a un attivista per i diritti degli afroamericani, e di come rischi quindi di scomparire, non ha tuttavia a che fare con questa crisi, ma con un raggiro ai danni del suo ex presidente, Jeff Schoep. È una storia un po’ da film, che inizia con l’incontro in carcere di un ex militante del Ku Klux Klan e un 40enne afroamericano, James Stern.

Jeff Schoep, leader del National Socialist Movement (NSM), durante un raduno a Newman in Georgia, il 21 aprile 2018. (Spencer Platt/Getty Images)

Tra il 2005 e il 2006 Stern venne incriminato per frode postale e passò cinque anni in carcere, dove si trovò a condividere la cella con Edgar Ray Killen, ex leader del Ku Klux Klan, condannato per l’omicidio di tre giovani attivisti per i diritti civili nel 1964 (la storia raccontata dal film Mississippi Burning). Stern ha raccontato che durante il periodo in carcere lui e Killen diventarono in qualche modo amici, e che lui aveva provato invano a far cambiare idea a Killen sugli afroamericani. Una volta fuori di prigione, Stern disse che aveva ottenuto da Killen la nomina a suo tutore legale e così anche il controllo su circa 40 acri di terreno di sua proprietà in cui Killen sosteneva di aver nascosto le prove di altri omicidi commessi da lui e dal Ku Klux Klan. L’avvocato e la famiglia di Killen, che è morto nel 2018, hanno sempre contestato la validità dell’accordo tra i due, ma Stern sostiene che grazie a questi documenti e ad alcune lettere consegnategli da Killen sia riuscito a far indagare altri membri del Ku Klux Klan ancora in vita e responsabili di diversi crimini.

La foto, scattata dall’FBI, mostra i resti dell’auto che guidavano i tre attivisti per i diritti degli afroamericani uccisi da membri del Ku Klux Klan nel 1964, e ritrovati a pochi chilometri da Filadelfia.(AP Photo/State of Mississippi, Attorney General’s Office, Pool)

La strana relazione che Stern aveva sviluppato con Killen fece molto parlare di lui e portò al suo incontro con Jeff Schoep, che dal 1998 era presidente del National Socialist Movement e che aveva portato il gruppo a essere uno dei più influenti dell’estrema destra statunitense. I due raccontano versioni discordanti su come entrarono per la prima volta in contatto. Stern ha detto al Washington Post che Schoep iniziò a contattarlo nel 2014 per avere informazioni sulla sua relazione con Killen. Schoep dice che fu invece Stern a farsi avanti, usando il suo rapporto con Killen come scusa per approcciarlo.

In seguito comunque i due organizzarono insieme un “incontro tra le razze” in California, dove alcuni membri di NSM e alcuni attivisti per i diritti degli afroamericani si trovarono per discutere. Nell’idea di Stern, lo scopo era far cambiare mentalità ai militanti dell’NSM, come già aveva provato a fare in carcere con Killen. «Dal primo giorno ho sempre detto [a Schoep]: “Non sono d’accordo con te. Non mi piaci”» ha raccontato al Washington Post, ma «mi sono avvicinato a lui perché speravo di poterlo cambiare». Come si sia sviluppata da allora la relazione tra Stern e Schoep non è chiarissimo – secondo Schoep i contatti furono molto sporadici, mentre Stern la racconta diversamente – ma a inizio 2019 Schoep chiese consiglio a Stern su una causa legale che lo preoccupava.

Schoep, l’NSM e altri gruppi neonazisti erano stati denunciati per quello che era successo nel 2017 durante un raduno di estremisti di destra a Charlottesville, in Virginia, negli Stati Uniti, dove una donna che stava protestando contro il raduno morì investita da un militante neonazista. Schoep, ha raccontato Stern, era preoccupato che la causa potesse portargli grossi guai, anche se di fatto lui non era direttamente coinvolto nell’omicidio di Charlottesville, ed era anche stanco e stufo di come andavano le cose dentro al NSM. Stern, a quel punto, gli propose di cedergli il controllo legale sull’NSM, in modo da liberarsi dal peso della sua gestione e dalle cause legali.

Schoep sostiene di essere stato raggirato e nega di aver mai voluto lasciare il movimento che dirigeva, ma a inizio gennaio ha presentato tutti i documenti necessari per il cambio di proprietà del movimento e del suo sito, rendendo effettiva la presidenza di Stern. Schoep non aveva discusso di questa scelta con nessuno degli affiliati alla sua organizzazione, né lui ne Stern ne avevano mai parlato pubblicamente fino a quando non è uscita l’articolo sul Washington Post. A quel punto, comunque, era troppo tardi per tornare indietro: l’NSM era legalmente controllato da Stern e Schoep non aveva più nessun ruolo formale nell’organizzazione.

La prima mossa di Stern come presidente è stata chiedere a un giudice della Virginia di giudicare l’organizzazione colpevole per gli eventi del 2017 a Charlottesville. Ora sta anche progettando di trasformare il sito di NSM, uno dei più visitati tra quelli di suprematisti bianchi, in uno spazio dedicato alla storia sull’Olocausto. La sua idea, comunque, è far sparire il NSM, ma non è chiaro quello che succederà ora.

Schoep, che ha accusato Stern di raggiro, si è giustificato con i militanti dell’NSM dicendo che la scelta di affidare l’organizzazione a Stern era stata fatta per proteggerla – «non potrei mai danneggiare intenzionalmente la causa che ho servito per tanti anni» – e ha detto che intende impugnare la cosa in tribunale e riprendersi la proprietà del sito e la presidenza di NSM. Sebbene Schoep ora non sia più legalmente affiliato al NSM, dovrà comunque affrontare la causa a cui sperava di sottrarsi, perché incluso nell’elenco degli imputati.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.