• Italia
  • giovedì 28 febbraio 2019

Il modulo per chiedere il reddito di cittadinanza è online

Si può già scaricare dal sito dell'INPS, ma si potrà presentare solo a partire dal 6 marzo

Sul sito dell’INPS è stato pubblicato il modulo da scaricare per chiedere il cosiddetto “reddito di cittadinanza”, la misura approvata dal governo per fornire un sussidio di disoccupazione alle famiglie che si trovano momentaneamente in difficoltà economica. Il modulo si trova nella sezione “Prestazione e servizi” ed è composto da quattro pagine in cui vengono spiegati il funzionamento della misura e i requisiti per accedervi, seguiti da altre cinque pagine da compilare. Nel modulo viene fatta anche distinzione tra “reddito di cittadinanza” e “pensione di cittadinanza”: quest’ultima riguarda i nuclei familiari composti da uno o più persone di età pari o superiore a 67 anni.

– Leggi anche: Come funziona il reddito di cittadinanza, spiegato

Il “reddito di cittadinanza” potrà essere richiesto a partire dal 6 marzo in modalità cartacea dopo il quinto giorno di ciascun mese, presentandolo negli uffici postali (sarà l’operatore della posta a inserire il modulo nel portale del ministero del Lavoro), oppure ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF), o ancora attraverso questo sito a cui si accede esclusivamente tramite SPID (abbiamo spiegato qui che cos’è e come si ottiene). Prima di consegnare la domanda, occorre aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per l’ISEE presso l’INPS, tramite CAF o online, che attesta i dati del proprio nucleo familiare ma anche quelli relativi al reddito e alla situazione patrimoniale mobiliare o immobiliare.

I dati contenuti nella domanda del reddito di cittadinanza saranno comunicati all’INPS entro 10 giorni lavorativi dalla richiesta. L’INPS, entro i successivi 5 giorni, verificherà il possesso dei requisiti usando le proprie banche dati e quelle delle amministrazioni collegate. Infine, in caso di esito positivo, riconoscerà ufficialmente il beneficio comunicandolo via mail o sms e lo accrediterà su una Carta di pagamento elettronica che, attualmente, viene emessa da Poste Italiane.

Intanto ieri il Senato ha approvato la conversione in legge del decreto su “reddito di cittadinanza” e “quota 100”, la misura sulle pensioni fortemente voluta dalla Lega: ora il decreto legge dovrà essere approvato anche dalla Camera, dove Lega e Movimento 5 Stelle hanno un’ampia maggioranza. Tra le novità inserite nel decreto ci sono maggiori controlli per chi si è separato o ha divorziato a partire dal settembre 2018, e l’obbligo per gli stranieri extracomunitari di presentare una certificazione aggiuntiva prodotta dal paese d’origine che attesti la situazione patrimoniale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.