• Media
  • martedì 19 febbraio 2019

«Resistere è difficile ma possibile»

La lettera di saluto di Mario Calabresi ai lettori di Repubblica, su come sono cambiati il giornale, l'Italia e il mondo in poco più di tre anni

Mario Calabresi (ANSA/ANGELO CARCONI)

Mario Calabresi non è più il direttore di Repubblica, il quotidiano che dirigeva dal gennaio 2016 e alle cui recenti trasformazioni – dal ridisegno del giornale alla sezione a pagamento online – ha molto contribuito. Il suo posto è stato preso da Carlo Verdelli, per decisione dell’editore del giornale. Calabresi ha salutato oggi i lettori di Repubblica con una lettera di bilancio del lavoro fatto in questi tre anni, in mezzo ai grossi cambiamenti che accadevano all’Italia e al mondo.

Cari lettori,
lascio la direzione di Repubblica dopo poco più di tre anni, in un mondo radicalmente cambiato e di cui è difficile cogliere il destino. In questi mille giorni siamo passati da Obama a Trump, dai discorsi ispirati ai tweet rancorosi, dal dovere di salvare chi sta affogando al dovere di respingerlo, dagli ultimi fuochi dell’idea di progresso alla chiusura totale nelle nostre paure.

Abbiamo assistito all’ascesa e al declino di un Movimento che prometteva politici nuovi per regalarci invece incompetenza, e di un partito che voleva dividere il Nord dal Sud e ora sta conquistando anche il Meridione in nome di un nuovo nemico, lo straniero. Allo stesso modo declina l’idea di democrazia, messa in un angolo dal fascino perverso degli uomini forti, coloro che si vantano di dire ciò che prima pareva impronunciabile.
Lascio questo giornale con l’orgoglio e la consapevolezza di aver raccontato tutto questo con chiarezza. Avevamo visto giusto. Ci hanno rimproverato di avere pregiudizi, ci hanno intimato di lasciarli lavorare, ci hanno accusato di lanciare falsi allarmi, invece era chiaro che l’ignoranza e l’improvvisazione ci avrebbero portato fuori strada e che i nuovi razzismi avrebbero lacerato il tessuto del Paese.

Viviamo in un’Italia isolata nel mondo: un risultato ottenuto in tempi record, senza che questo abbia portato alcun giovamento, perseguito solo per dinamiche elettorali interne, per gonfiare i muscoli e mostrare di esistere.

Un percorso di scardinamento della democrazia che si legge nel tentativo di eliminare contrappesi e organi di controllo. Lo vediamo con la Banca d’Italia, con la Consob, con il fastidio verso chi fa opposizione o contro chi semplicemente esercita un diritto di critica, così anche la stampa non fiancheggiatrice diventa nemica del popolo e va messa all’indice.

Abbiamo tenuto la barra dritta, non abbiamo derogato su convinzioni fondamentali come lo spazio europeo, la democrazia liberale, il metodo scientifico e i diritti, che sono prima di tutto quelli dei più deboli e non quelli dei più forti, per definizione già capaci di tutelarsi da soli.

(Continua a leggere su Repubblica)