(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)
  • Italia
  • martedì 5 febbraio 2019

Mario Calabresi non è più il direttore di Repubblica

Ha annunciato che lascerà il suo incarico dopo tre anni: secondo ANSA sarà sostituito da Carlo Verdelli

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Mario Calabresi non è più il direttore del quotidiano Repubblica. Lo ha annunciato lui stesso in una serie di tweet in cui ha precisato che la decisione è stata presa dagli editori. Al suo posto, ANSA scrive che sarà nominato Carlo Verdelli, che ha una lunga carriera alle spalle: è stato direttore della Gazzetta dello Sport, responsabile per l’offerta informativa della RAI, direttore di Sette, Vanity Fair e vicedirettore del Corriere della Sera. Calabresi, che ha 48 anni, era arrivato a gennaio 2016 per sostituire Ezio Mauro dopo sei anni di direzione della Stampa.

Il gruppo editoriale GEDI, che detiene la proprietà di Repubblica e di altri quotidiani come la Stampa, non ha ancora commentato la notizia. Negli ultimi mesi erano già circolate diverse voci sul possibile licenziamento di Calabresi, nessuna delle quali aveva trovato conferma. Durante la sua direzione, Repubblica ha cambiato radicalmente la sua impostazione grafica – grazie al lavoro di Francesco Franchi – e introdotto un parziale paywall per gli articoli più rilevanti della versione online, Rep. Dall’agosto 2016 all’agosto 2018 le vendite di Repubblica sono diminuite di parecchio, ma Calabresi rivendica di aver «dimezzato» la discesa delle copie.

L’ultimo incarico di Verdelli, che ottenne molti successi alla direzione di Vanity Fair e della Gazzetta dello Sport, è stato quello con la RAI, che lasciò nel gennaio 2017 dopo che il consiglio di amministrazione aveva bocciato il suo piano innovativo per cambiare l’offerta dell’informazione. Non è ancora chiaro quando entrerà in carica da direttore di Repubblica.

Leggi anche:
– Cos’è la storia delle minacce a Chiara Appendino
– La guida al Festival di Sanremo
– Sanremo 2019: i favoriti per la vittoria
– Si parla molto di un’intervista di Liam Neeson in cui ha parlato di stupro e vendetta

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.