• TV
  • martedì 5 febbraio 2019

Sanremo: le cose da sapere sulla 69ª edizione del Festival

Inizia stasera e proseguirà fino a sabato: una guida per farsi trovare preparati

ANSA/ETTORE FERRARI

Il Festival di Sanremo inizia questa sera e finirà dopo la mezzanotte di sabato 9 febbraio. È quindi arrivata quella settimana in cui milioni di persone guarderanno la stessa cosa, con passione o per parlarne male, e in cui, con la scusa della musica, si celebrerà il rito del Festival e di tutto quello che gli sta dentro (nello specifico al Teatro Ariston) e gli gira attorno. Anche quest’anno il Direttore artistico del Festival di Sanremo è Claudio Baglioni, che ne sarà anche co-conduttore: insieme a Claudio Bisio e Virginia Raffaele (che già era stata una delle conduttrici nel 2016). I cantanti (o gruppi musicali) in gara sono 24: 22 sono quelli che negli anni sono stati chiamati “big”, due sono i vincitori del concorso Sanremo Giovani, che si è svolto a fine 2018. Non ci sarà quindi più la sezione “nuova proposte”, come veniva spesso chiamata quella riservata a cantanti giovani e poco famosi. Il vincitore del Festival diventerà automaticamente il rappresentante dell’Italia all’Eurovision Song Contest, ma se si dovesse rifiutare si sceglierà qualcuno da mandare al suo posto.

Ma guardiamo, punto per punto, le cose da sapere per non arrivare impreparati alla 69ª edizione del Festival di Sanremo, tra duetti, ospiti, televoto e giuria demoscopica.

I cantanti e le canzoni in gara

Tra i cantanti più noti di questa edizione ci sono Daniele Silvestri, Arisa, Francesco Renga, Nino A’Angelo, Loredana Berté, Il Volo, Anna Tatangelo, Patty Pravo e Loredana Bertè. Quelli per cui qualcuno dovrà chiedere informazioni a Google o a un parente più giovane, sono – tra gli altri –Shade, gli Ex-Otago, Achille Lauro, Irama e Motta. I due vincitori di Sanremo Giovani sono Einar e Mahmood, ora in gara con una canzone diversa rispetto a quella del primo concorso. Perché le canzoni di Sanremo devono essere inedite. Per ora ne sono stati diffusi soli i testi, per chi vuole provare a canticchiarle inventandosi possibili melodie.

Federica Carta e Shade, “Senza farlo apposta”
Patty Pravo e Briga, “Un po’ come la vita”
Negrita, “I ragazzi stanno bene”
Daniele Silvestri, “Argento vivo”
Ex-Otago, “Solo una canzone”
Achille Lauro, “Rolls Royce”
Arisa, “Mi sento bene”
Francesco Renga, “Aspetto che torni”
Boomdabash, “Per un milione”
Enrico Nigiotti, “Nonno Hollywood”
Nino D’Angelo e Livio Cori, “Con un’altra luce”
Paola Turci, “L’ultimo ostacolo”
Simone Cristicchi, “Abbi cura di me”
Zen Circus, “L’amore è una dittatura”
Anna Tatangelo, “Le nostre anime di notte”
Loredana Bertè, “Cosa ti aspetti da me”
Irama, “La ragazza con il cuore di latta”
Ultimo, “I tuoi particolari”
Nek, “Mi farò trovare pronto”
Motta, “Dov’è l’Italia”
Il Volo, “Musica che resta”
Ghemon, “Rose viola”
Einar, “Parole Nuove”
Mahmood, “Soldi”

Gli ospiti

Saranno soprattutto italiani e soprattutto cantanti. Ci saranno, tra i tanti, Riccardo Cocciante, Antonello Venditti,  Fiorella Mannoia, Eros Ramazzotti, Luciano Ligabue, Marco Mengoni, Andrea Bocelli con il figlio Matteo, Giorgia, Elisa e Alessandra Amoroso.

Tra gli ospiti stranieri sono attesi Tom Walker e Luis Fonsi. Mentre per quanto riguarda gli italiani non cantanti ci saranno, tra gli altri, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino (conduttori della precedente edizione del Festival), Pippo Baudo e Fabio Rovazzi (conduttori di Sanremo Giovani) e poi Laura Chiatti, Claudio Santamaria, Serena Rossi e Michele Riondino.

Le serate

Nella prima serata, quella di oggi, si esibiranno tutti i 24 cantanti in gara. Nella seconda e nella terza serata si esibiranno 12 e poi altri 12. La quarta serata sarà invece dedicata ai duetti: cantanti non in concorso saranno invitati per cantare le canzoni in gara, insieme ai cantanti in gara. La quinta serata sarà quella finale e si risentiranno di nuovo le 24 canzoni (no, non ci sarà nessuna eliminazione).

Tra gli ospiti della prima serata ci saranno Andrea e Matteo Bocelli.

I duetti

Qualcuno ha scelto cantanti, spesso di genere e stile molto diverso dal proprio, qualcun altro qualcuno che fa perlopiù l’attore: è il caso di Neri Marcoré o Beppe Fiorello.

Achille Lauro – Morgan
Anna Tatangelo – Syria
Arisa – Tony Hadley e i Kataklò
Boomdabash – Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano
Daniele Silvestri – Manuel Agnelli
Einar – Biondo
Enrico Nigiotti – Paolo Jannacci e Massimo Ottoni
Ex-Otago – Jack Savoretti
Federica Carta e Shade – Cristina D’Avena
Francesco Renga – Bungaro ed Eleonora Abbagnato
Ghemon – Diodato e i Calibro 35
Il Volo – Alessandro Quarta
Irama – Noemi
Loredana Bertè – Irene Grandi
Mahmood – Guè Pequeno
Motta – Nada
Negrita – Enrico Ruggeri e Roy Paci
Nek – Neri Marcorè
Nino D’Angelo e Livio Cori – Sottotono
Paola Turci – Giuseppe Fiorello
Patty Pravo con Briga – Giovanni Caccamo
Simone Cristicchi – Ermal Meta
Ultimo – Fabrizio Moro
Zen Circus – Brunori Sas

Il meccanismo di voto

Ed eccoci alla parte che tutti temevamo. Nel corso delle varie serate entreranno in gioco diversi voti: quello della giuria demoscopica, quello della giuria degli esperti, quello del pubblico da casa e quello della sala stampa.

La giuria demoscopica sarà composta da 300 persone che rappresentano un campione rappresentativo di abituali fruitori di musica.
La giuria degli esperti (che da quest’anno si chiama in realtà “giuria di qualità”) è composta dal compositore Mauro Pagani (che ne è anche presidente) e da: Ferzan Özpetek (registra e scrittore), Camila Raznovich (conduttrice televisiva), Claudia Pandolfi (attrice), Elena Sofia Ricci (attrice), Beppe Severgnini (giornalista e opinionista), Serena Dandini (conduttrice televisiva) e Joe Bastianich (imprenditore e conduttore televisivo).
La giuria della sala stampa è (bravi, avete indovinato) composta dai giornalisti accreditati presso la sala stampa del Festival di Sanremo.
Il televoto lo sapete cos’è, e sarà possibile sia da dispositivi fissi che mobili.

Il voto sarà suddiviso così:

Prima serata: il televoto varrà per il 40 per cento, la giuria demoscopica per il 30 per cento e la sala stampa per il restante 30 per cento. A fine serata «il televoto sarà trasformato in percentuale e sommato al voto percentualizzato della
giuria della sala stampa e della giuria demoscopica».
Seconda e terza serata: Stesse giurie della prima serata, con le stesse percentuali (40, 30, 30). Al termine della terza serata «verrà stilata una classifica relativa a tutte le 24 canzoni nuove interpretate dagli artisti, risultante dalla media delle percentuali di voto ottenute dalle canzoni nel corso della prima serata e di quelle ottenute nel corso della seconda serata e della terza serata».
Quarta serata: Entrerà in gioco la giuria degli esperti, con un peso del 20 per cento. Il televoto varrà per il 50 per cento e il voto della sala stampa per il 30 per cento. Non ci sarà invece più la giuria demoscopica. Il regolamento di Sanremo spiega che «la media tra le percentuali di voto ottenute in serata ed il consolidato ottenuto nelle serate precedenti determinerà una classifica delle 24 canzoni.
Quinta serata: Ci sarà una prima fase in cui il televoto del pubblico varrà per il 50 per cento, quello della giura degli esperti per il 20 e quello della sala stampa per il 30. Aggiungendo il risultato della quinta serata a quello delle serate precedenti si farà una classifica. I primi tre di quella classifica potranno dunque essere ri-votati (sempre con peso 50-30-20) e infine ci sarà un vincitore:

Al termine delle votazioni, la media tra le percentuali di voto ottenute in quest’ultima sessione di votazione ed il consolidato ottenuto nelle votazioni precedenti, ripercentualizzato sui 3 finalisti, determinerà una nuova classifica delle 3 canzoni/Artisti.

Se vi piace prendere le cose sul serio, il regolamento completo di Sanremo è qui, quello specifico sul televoto è invece qui.

Come seguire il Festival

Il Festival di Sanremo sarà trasmesso su Rai Uno e si potrà seguire anche in streaming su RaiPlay e via radio su Radio Due. Il primo collegamento con il Festival sarà intorno alle 20.30, e dopo la fine della serata ci sarà il Dopofestival, con Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.