• Mondo
  • sabato 12 gennaio 2019

Tre morti nell’esplosione nel centro di Parigi

È avvenuta in una panetteria del centro, forse per via di una fuga di gas: ci sono oltre 30 feriti, di cui diversi in condizioni gravi

(THOMAS SAMSON/AFP/Getty Images)

Almeno tre persone sono morte nella forte esplosione avvenuta questa mattina in una panetteria nel centro di Parigi, forse a causa da una fuga di gas: due sono vigili del fuoco, mentre la terza è una donna spagnola, la cui morte è stata confermata dal ministero degli Esteri spagnolo. Il comandante dei pompieri ha detto che ci sono oltre 30 feriti, di cui diversi in condizioni gravi. Tra i feriti c’è una donna italiana, che lavorava in un albergo vicino e che è stata operata: il padre ha detto all’Ansa che «sta meglio».

L’esplosione è avvenuta intorno alle 9 di sabato mattina in rue de Trevise, all’incrocio con rue Sainte-Cécile, nel 9° arrondissement. L’isolato coinvolto non è lontano dal teatro Folies Bergère. Inizialmente il ministro dell’Interno Christophe Castaner aveva parlato di quattro morti, ma la cifra è stata successivamente rivista. Secondo i giornali francesi, i due pompieri avevano risposto a una segnalazione per un forte odore di gas: l’edificio è esploso mentre erano all’interno.

Le foto della strada mostrano una gran quantità di detriti e di fumo. La polizia ha chiesto alle persone di tenersi lontane dall’area, mentre i Vigili del Fuoco hanno cercato per diverse ore i feriti tra le macerie. Inizialmente si era parlato anche di un cameraman italiano della Rai coinvolto, ma Rai News scrive che sta bene e che ha riportato soltanto una ferita sopra all’occhio.

Oggi a Parigi sono attese le nuove proteste del movimento dei “gilet gialli”, arrivate al nono sabato consecutivo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.