Rich Fury (Getty Images for Coachella)

I dischi che usciranno nel 2019

Quelli di cui sappiamo già la data, quelli di cui abbiamo abbastanza certezza e quelli sui quali circolano solo indizi

Rich Fury (Getty Images for Coachella)

Come ogni dicembre, sono arrivate le varie liste dei dischi che sono piaciuti di più ai critici musicali nel 2018, che abbiamo raccolto come al solito raccontando qualcosa di ciascuno. Contemporaneamente, i siti specializzati hanno iniziato a mettere in fila i dischi che sappiamo di sicuro usciranno il prossimo anno, e anche quelli su cui abbiamo meno certezze. Nei casi di uscite già annunciate, non si sono problemi: quando però si parla di rumors e previsioni, bisogna fare più attenzione: spesso si basano su interpretazioni acrobatiche di frasi criptiche dette dagli artisti durante le interviste, o in altri casi sul semplice fatto che un artista non pubblica dischi da qualche anno.

Per esempio, l’anno scorso avevano dato conto della possibile uscita di un disco di Rihanna, una delle più grandi popstar al mondo che non pubblica niente dall’inizio del 2016: nel 2018 alla fine non è uscito niente, e quindi quest’anno se ne parla con ancora più insistenza. Lo stesso vale per Carly Rae Jepsen, la cantante di “Call Me Maybe”, il cui ultimo disco è addirittura del 2015: a novembre è uscito però un suo singolo, che sembra sarà contenuto in un disco di prossima uscita. Si parlava anche di qualcosa di nuovo della cantante Sky Ferreira, che lo ha annunciato per quest’inverno. Dua Lipa, la popstar più di successo degli ultimissimi anni, potrebbe pubblicare qualcosa di nuovo per non far svanire il successo del suo disco omonimo del 2017. Lady Gaga è reduce dal successo del film A Star Is Born, e in molti parlano di un nuovo disco: in molti, ma non lei. A pochi mesi da SweetenerAriana Grande pubblicherà Thank u, Next a breve.

Quest’anno le voci più insistenti riguardano Adele, il cui ultimo disco 25 è del 2015. Si parla anche dei Coldplay, con poca sostanza, mentre Kevin Parker dei Tame Impala ha detto che vorrebbe uscire con un nuovo disco nella prima metà del 2019. I Pond, la band australiana che ha alcuni membri in comune con i Tame Impala, faranno uscire un disco in primavera. I Vampire Weekend, tra le più famose band indie rock di sempre, avevano lasciato intendere che avrebbero pubblicato un disco nel 2018, e ora fanno intendere che lo faranno nel 2019. Sarebbe il primo dal 2013. Ci sono più certezze invece intorno al primo disco dei Cure in dieci anni, che il cantante Robert Smith ha detto essere a poche settimane dalla conclusione.

Sembra piuttosto certo un disco di Madonna, mentre è probabile che uscirà anche Yandhi, il disco del rapper Kanye West che doveva essere pubblicato a settembre ma che poi è stato posticipato. Sempre nell’hip hop, sappiamo che quest’anno hanno lavorato a qualcosa insieme Chance the Rapper e Childish Gambino, e che ha dato qualche indizio su un nuovo disco Danny Brown.

Il cantante R&B The Weeknd ha detto che un suo nuovo disco dovrebbe arrivare “presto”, mentre sono tornati insieme i Raconteursuna delle band del chitarrista Jack White, che hanno fatto uscire due canzoni e che stanno preparando un disco che hanno annunciato per il 2019. La cantante Lana del Rey ha già detto il titolo del suo prossimo disco, Norman Fucking Rockwell, per cui non c’è ancora una data di uscita. Per i primi mesi del 2019 ci saranno invece alcuni ritorni notevoli dalla musica adolescenziale degli anni Novanta e Duemila: i Backstreet Boys e Avril Lavigne, entrambi al primo disco dal 2013.

Weezer, storica band rock degli anni Novanta, dovrebbero pubblicare un album omonimo nel 2019, e in primavera dovrebbe uscire anche il nuovo disco dei 1975 (si chiamerà Notes On A Confidential Form), band rock che ha raccolto un grande successo di pubblico e critica negli ultimi anni. Torneranno anche i Beirut, con un disco che si chiamerà Gallipoli.

Altre uscite di cui sappiamo già la data:

Maggie Rogers, Heard It In A Past Life, 18 gennaio 2019

Sharon Van Etten, Remind Me No Tomorrow, 18 gennaio

Toro y Moi, Outer Place, 18 gennaio

Deerhunter, Why Hasn’t Everything Already Disappeared?, 18 gennaio

Backstreet Boys, DNA, 25 gennaio

Fedez, Paranoia Airlines, 25 gennaio

Meghan Trainor, Treat Myself, 25 gennaio

Rudimental, Toast To Our Differences, 25 gennaio

White Lies, Five, 1 febbraio

Beirut, Gallipoli, 1 febbraio

Avril Lavigne, Head Above Water, 15 febbraio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.