• Cultura
  • domenica 23 dicembre 2018

I 20 migliori dischi del 2018 a leggere in giro

Quelli citati di più nelle classifiche di fine anno di cinque siti autorevoli, da riascoltare o da recuperare

Nel 2018 sono usciti meno dischi del solito di quegli artisti a cui solitamente si associa un qualche tipo di primato nella musica pop mondiale, se non altro per notorietà, che si chiamino Rihanna o Taylor Swift. Altri dello stesso successo che invece hanno pubblicato dei dischi non hanno ricevuto grandi complimenti dalla critica, soprattutto sul fronte della musica nera americana, da Kanye West a Drake alla coppia Beyoncé/Jay-Z. Come ogni anno, abbiamo raccolto i venti dischi che sono stati più citati nelle classifiche di fine anno di alcuni siti di musica e non, tenendo in considerazione quella di Pitchfork, di Noisey, di Mojo, del Guardian e del New York Times. Una cosa di cui vi accorgerete subito è che ci sono un sacco di donne – 12 su 20 – a conferma di una tendenza che dura da qualche anno.

Tierra Whack – Whack World

Thierra Whack è una giovane cantante di Philadelphia, che quest’anno ha fatto uscire il suo primo disco: è fatto da 15 canzoni di un minuto esatto ciascuna, una scelta insolita in un’epoca in cui i dischi spesso vengono diluiti per ottimizzare i ricavi degli streaming. La critica si è accorta subito di lei, e Whack World è finito in cima alla classifica di Noisey, la sezione musicale di Vice. Lei si concia in modo strano e fa un R&B pieno di commistioni e pieno di suoni diversi, e secondo Noisey, nonostante la breve durata, a ogni ascolto se ne capisce un pezzo in più.

Low – Double Negative

I Low sono una storica band del Minnesota che ha una notevole quota di fan affezionatissimi fin dagli anni Duemila, quando si fecero conoscere per i loro dischi di rock lento e intimista, e per i loro concerti formidabili. Secondo PitchforkDouble Negative è un disco spiazzante dal punto di vista musicale, con alcune basi elettroniche piuttosto invasive e destabilizzanti, e con testi molto politicizzati, anche se sempre piuttosto criptici.

Kacey Musgraves – Golden Hour

È un disco molto americano, di una cantante country – un country molto raffinato e d’élite – 30enne e texana. È finito addirittura al secondo posto delle classifiche di Pitchfork Noisey, che di solito premiano generi più alla moda e contemporanei: ma entrambi i siti ne hanno celebrato parecchio i testi, molto personali e riconoscibili.

Pusha T – Daytona

Pusha T viene spesso descritto come “il rapper preferito dei vostri rapper preferiti”: ha 41 anni ed è della vecchia guardia dell’hip hop, e dopo essersi fatto conoscere nel duo dei Clipse ha iniziato la carriera solista da qualche anno, una volta entrato nel giro di Kanye West. Proprio West gli ha prodotto Daytona, un grande successo in un anno in cui i dischi hip hop davvero riusciti, tra i rapper maschi, non sono stati molti. I testi e la performance di Pusha T sono grandi esempi della sua tecnica raffinatissima, che lo ha reso famoso, e la produzione musicale è probabilmente la cosa migliore che ha fatto Kanye West in questo suo anno complicato.

Christine and the Queens – Chris

Christine and the Queens è il nome d’arte di Héloïse Letissier, cantante francese 30enne che da alcuni anni è una delle artiste pop preferite dalle riviste musicali. Ha fatto un disco pieno di sintetizzatori e con diverse canzoni che gli esperti chiamerebbero hit, per quanto sono orecchiabili ed efficaci, il cui fascino è accresciuto dai testi mezzi in inglese e mezzi in francese. Il Guardian ha messo Chris al primo posto della sua classifica.

Yves Tumor – Safe in the Hands of Love

Yves Tumor è un produttore americano circondato da un po’ di mistero, e che si dice viva attualmente a Torino. Da un po’ di tempo è uno degli artisti di musica sperimentale più apprezzati in circolazione, e il suo ultimo disco è piaciuto parecchio per la sua varietà, capace di tenere insieme pezzi noise quasi cacofonici e altre canzoni, tipo “Noid”, che invece tendono verso il pop.

Rosalía – El mal querer

Rosalía è probabilmente la più grossa novità del 2018 nella musica pop non anglosassone: è una cantante 25enne catalana che reinterpreta il flamenco in chiave contemporanea. «Dire che è un disco che forza la tensione tra tradizione e rottura sarebbe un eufemismo», scrive Pitchfork.

Arctic Monkeys – Tranquility Base Hotel & Casino

L’ultimo disco degli Arctic Monkeys, tra le più famose band britanniche degli ultimi quindici anni, ha spiazzato molti fan perché i suoni sono molto diversi da quelli che li hanno resi famosi: meno chitarre, più tastiere. Ma al Guardian questa scelta disorientante è piaciuta, e la rivista Mojo l’ha addirittura messo al secondo posto della sua classifica.

Kamasi Washington – Heaven and Heart

Kamasi Washington è probabilmente il più famoso sassofonista contemporaneo, uno che fa concerti in tutto il mondo e ha suonato con alcuni tra i più grandi jazzisti viventi, e anche in To Pimp a Butterfly, il disco del rapper Kendrick Lamar. A differenza di molto nuovo jazz, Heaven and Heart è di facile ascolto e potrebbe piacere anche ai profani.

Mitski  – Be the Cowboy

Mitski è una cantante che non ha nemmeno una pagina Wikipedia in italiano, eppure da diversi anni è una delle artiste più celebrate dalla critica internazionale. Già il suo penultimo disco Puberty 2, del 2016, era finito in tutte le classifiche di fine anno; Be the Cowboy, quello uscito quest’anno, è in cima alla classifica di Pitchfork, al secondo di quella del New York Times, al quinto di quella del Guardian. Ha 28 anni, ha origini giapponesi e nel disco ha messo le cose che l’hanno resa famosa: schitarrate nervose, synth avvolgenti, testi brillanti.

Young Fathers – Cocoa Sugar

Gli Young Fathers sono un trio scozzese, vincitrici del Mercury Prize nel 2014. Hanno uno stile molto originale, che mischia il gospel con il rock inglese e con l’elettronica più sperimentale: Cocoa Sugar è il loro disco più riuscito, secondo la maggior parte dei critici.

Ariana Grande – Sweetener

Il disco di Ariana Grande ha ricevuto plausi estesi, ed è nelle prime posizioni della maggior parte delle classifiche di fine anno. Grande, che è diventata una di quelle popstar a cui pubblico e critica vogliono molto bene a prescindere, per Sweetener si è circondata di alcuni dei più bravi produttori al mondo, come Max Martin e Pharrell Williams. Ed è riuscita a mettere in fila alcune delle hit più ascoltate dell’anno, superate poi da thank u, next, la sua canzone uscita dopo la fine della relazione con il comico Pete Davidson, forse LA notizia del 2018 nel suo settore.

Sophie – Oil of Every Pearl’s Un-Insides

Sophie Xeon è una produttrice e cantante scozzese che da qualche anno si è fatta notare per uno stile molto originale, caratterizzato da canzoni con una struttura pop, ma che suonavano come brani di elettronica di avanguardia. Si è portata dietro questo tratto distintivo anche in Oil of Every Pearl’s Un-Insides, il suo primo vero disco, in cui ci sono canzoni molto impegnative da ascoltare insieme a quelle che sono effettivamente delle ballad, come “It’s Ok to Cry”.

Robyn – Honey

Quello della cantante svedese Robyn era uno dei ritorni più attesi dell’anno – non faceva un disco dal 2010 – e non ha deluso le aspettative. Honey è piaciuto molto ai critici, ed è finito nelle prime dieci posizioni delle classifiche di Noisey, GuardianPitchfork. Il Guardian in particolare ha notato come Robyn nel 2010 avesse anticipato alcuni temi che avrebbero definito il pop negli anni successivi, come l’empowerment femminile. Otto anni dopo, ha fatto un disco fatto interamente di canzoni ballabili, da club, riuscendo sempre a tenere insieme l’euforia e la malinconia che caratterizzano le sue canzoni.

Travis Scott – Astroworld

Travis Scott è uno dei più famosi rapper americani degli ultimi anni, uno di quelli che dimostra peraltro che la trap può essere un genere molto serio. Astroworld «è il suono dell’oggi», ha scritto Noisey: per farlo, Scott ha messo insieme artisti che arrivano da posti molto diversi, come Frank Ocean, James Blake, Kevin Parker dei Tame Impala, Drake, il bassista Thundercat: e funziona tutto molto bene.

Janelle Monae – Dirty Computer

Quando uscì, l’ultimo disco di Janelle Monae sembrò dividere abbastanza la critica, tra grandi estimatori e stroncatori agguerriti. In realtà, è stato piuttosto premiato nelle classifiche di fine anno, almeno in quelle di Noisey, Mojo e del New York Times. Lei era diventata famosa nel 2010 con The ArchAndroid, e poi anche nel cinema con Il diritto di contareMoonlight. Nei testi c’è molto femminismo e molto orgoglio afroamericano, spesso espresso con strofe rappate, che spezzano un po’ le atmosfere funk e R&B a cui aveva abituato.

Snail Mail – Lush

Snail Mail è il nome del progetto della cantante e chitarrista americana 19enne Lindsey Jordan, il cui disco è stata di gran lunga una delle più grandi sorprese di quest’anno, finita nelle prime cinque posizioni sia su Noisey che su Pitchfork. Si accompagna con delle chitarre elettriche e fa una musica molto simile a quella che vi viene in mente pensando all’espressione “indie rock”: con testi piuttosto diretti e originali.

Cardi B – Invasion of Privacy

Cardi B è una rapper 26enne del Bronx che si è costruita la celebrità prima su internet e poi in un reality televisivo: all’inizio si parlava di lei soprattutto per le sue provocazioni e per i suoi eccessi, ma nel giro di due anni è diventata di gran lunga la donna più seguita dell’hip hop mondiale. Ha fatto una delle canzoni più ascoltate del 2017, “Bodak Yellow”, e nel suo disco Invasion of Privacy ha confermato che con il rap ci sa fare parecchio. Le sue canzoni sono tante cose insieme, al punto che a molti sembreranno perfino troppe: ma questa sua caratteristica l’ha fatta diventare un fenomeno della cultura pop americana.

Noname – Room 25

Noname in realtà un nome ce l’ha: Fatimah Nyeema Warner, nata nel 1991 a Chicago, e notata dalla critica fin dal suo primo mixtape del 2016. Fa un hip hop con sonorità jazz e soul, molto ricercato e stiloso e che ricorda un po’ gli A Tribe Called Quest, anche per i temi spesso politici trattati nei testi.


DJ Koze – Knock Knock

DJ Koze è un produttore tedesco che va per i cinquant’anni, ma di cui i siti di musica generalisti si sono accorti relativamente di recente, e soprattutto dopo il suo ultimo disco. Dice Pitchfork che «ha passato gli ultimi decenni a coltivare un universo musicale parallelo», in cui «le storie della musica dance, dell’hip hop e della psichedelia sono tenute insieme dalla stessa forza gravitazionale».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.