I regali di Natale, comprateli a novembre

Una lista di 17 idee per chi vorrebbe mettersi avanti ma non sa da dove cominciare

Ci sarà chi storcerà il naso vedendo questo articolo, per esempio quelli che si infastidiscono quando a novembre vengono appese le luminarie natalizie, o quelli della mozione Flanagin. Se si vogliono fare regali di Natale, però, è indubbiamente più comodo prepararli in anticipo e online, magari approfittando degli sconti del Black Friday, per evitare le file alle casse di negozi affollati. Molti siti di riviste e blog hanno cominciato a pubblicare liste di idee per i regali: la redazione del Post ha messo insieme quelle più interessanti e originali, aggiungendoci del suo, e così sono venuti fuori 17 possibili regali da fare a parenti o amici. Sono tutte cose che si possono comprare online e che arrivano in tempo per Natale.

La dama cinese. Contrariamente a quanto dice il nome, questo gioco da tavolo non è affatto cinese: come i calendari dell’avvento ha origine tedesca e inizialmente si chiamava Stern-Halma, dal nome di un gioco molto simile e della parola tedesca per “stella”. Per chi non lo conosce, è un gioco da tavolo a cui si può giocare in due, in tre, in quattro, in cinque o in sei: non è difficile come gli scacchi, ma è più complesso e quindi più divertente della dama vera e propria, soprattutto giocando in più di due. Il tavoliere è a forma di stella a sei punte; le pedine sono di colori diversi per ciascun giocatore e sono 10 per ognuno.

All’inizio tutte le punte o solo alcune, a seconda di quante persone giocano, sono occupate dalle pedine; lo scopo del gioco per ciascun giocatore è di essere il primo a far arrivare tutte le proprie pedine nella punta della stella opposta alla propria. Le pedine si possono spostare facendo dei percorsi a salti oltre le pedine altrui oppure con singoli passi su una casella adiacente. Se si gioca in tanti bisogna ingegnarsi a trovare delle strategie. (10 euro)

Un diario visivo. Due anni fa il Museum of Modern Art (MoMA) di New York acquisì nella sua collezione permanente 104 cartoline che due designer si erano spedite da un lato all’altro dell’oceano Atlantico in un anno: la loro particolarità è che ognuna raccontava qualcosa della vita di chi l’aveva spedita attraverso una serie di dati e una rappresentazione grafica. Il Post aveva raccontato tutto qui. Di recente le due designer, Giorgia Lupi e Stefanie Posavec, hanno realizzato un diario con cui si può provare a fare più o meno quello che hanno fatto loro: si chiama Osserva, raccogli, disegna ed è sia un manuale che un diario da completare con i propri dati e grafici. (19 euro)

Il videogioco di cui si parla tanto. Non è un suggerimento molto originale, dato che ovunque si vedono pubblicità che ne parlano, ma non si poteva non metterlo in questa lista, visti gli entusiasmi che ha risvegliato in redazione: Red Dead Redemption 2.  È ambientato nel vecchio West nel 1899 ed è molto realistico; ha per protagonista il membro di una banda di fuorilegge che ha una propria storia principale ma si trova anche a vivere tante esperienze secondarie diverse. Se volete saperne di più, qui c’è una recensione. (66 euro per PlayStation 4)

La cucina giapponese. I ristoranti giapponesi piacciono sempre e così anche il design giapponese, semplice come quello nordico eppure un po’ più elegante e fascinoso. Per questo un regalo che può piacere a molti è la combinazione di un bel librone di ricette giapponesi di cui aveva scritto sul suo blog Arianna Cavallo (34 euro) insieme a un oggetto tipico delle cucine giapponesi. Una redattrice ha suggerito questo grembiule di lino e cotone ispirato a quelli tradizionali giapponesi e consigliato da un’autrice di The Strategist, il sito di recensioni di prodotti del New York Magazine. (21 euro) Un altro articolo di The Strategist invece consiglia il Monbento rettangolare come migliore schiscetta alla giapponese, “bento” appunto, per portarsi dietro le nuove ricette imparate. C’è di molti colori, si può mettere sia in lavastoviglie che nel microonde. (35 euro)

Le Puma con plateau. Cioè rialzate. Sono tra le sneaker da donna che si sono viste più in giro negli ultimi anni. Sono tra questi consigli dopo che si è scoperto che anche la nonna 73enne di una delle redattrici del Post ne ha voluto un paio. Ci sono varie versioni, per esempio i modelli Suede, scamosciati, e  i Trace, con la suola sagomata. Si possono acquistare sia su Amazon che su Asos (ma anche su eBay) spesso a prezzi scontati e in molti colori: per esempio queste di pelle bianca e suola color gomma (in redazione si fa sempre fatica a definire i colori in maniera univoca, avete capito?), queste scamosciate beige, queste tutte nere o di velluto rosa. (vari prezzi)

Un puzzle con una prima pagina del New York Times, a scelta. Molti redattori del Post vorrebbero ricevere per Natale uno dei gadget del New York Times, uno dei più autorevoli quotidiani americani che è anche uno dei giornali che più di tutti al mondo si sono costruiti un proprio marchio e tanti oggetti a esso legati. Uno è il puzzle da 500 o 1.000 pezzi che rappresenta una prima pagina del quotidiano: si può scegliere quella che si preferisce. Per veri nerd del giornalismo. (50 o 65 dollari, ma potrebbero aggiungersi costi di dogana)

Un fumetto italiano come se ne vedono pochi. Cioè Atto di Dio di Giacomo Nanni. Racconta le storie contemporanee di un capriolo, di un fucile e del terremoto nelle Marche, facendo parlare ciascuno di loro in prima persona e usando uno stile molto particolare e originale. Qui potete vedere le prime nove pagine. (15 euro)

Taboo per adulti. Taboo è uno dei giochi da tavola più divertenti perché: 1) i giochi in cui bisogna indovinare qualcosa a tempo stimolano una competitività positiva, 2) le partite non durano troppo, 3) sono molto diverse a seconda delle persone con cui si sta giocando. La versione con “parole vietate ai minori”, Taboo Midnight, può essere ancora più divertente. Immaginate di far indovinare a qualcuno l’espressione “feticista dei piedi”. (25 euro e 50)

Una borraccia funzionale e bella da vedere. Qualche mese fa su Consumismi è uscito un articolo sulle migliori borracce secondo Wirecutter, il sito di recensioni di oggetti del New York Times, e molti lettori lo hanno apprezzato. Qualche tempo dopo alcuni redattori si sono imbattuti in un’altra borraccia, prodotta dall’azienda bolognese 24Bottles: sembra altrettanto funzionale, molto efficace a isolare bevande calde e fredde e si presta bene come regalo di Natale perché c’è in tantissimi colori. Il modello isolato termicamente è il Clima: qui c’è color acciaio, qui di quel rosa che si dice piaccia tanto ai cosiddetti “millennial” e qui bianca e nera. (35 euro da mezzo litro)

Una grattacielo. Una radio grattacielo Brionvega, cioè una delle radio disegnate dal grande designer Marco Zanuso negli anni Sessanta e poi rifatte di recente. È bella da vedere e ha una storia: non risponde ai comandi vocali come i dispositivi Echo, ma per ora non è che sia un gran svantaggio. Per chi non è interessato alle cose che vanno di moda solo quest’anno, ma che piaceranno sempre. C’è nera, bianca o rossa. (140 euro)

La riedizione della PlayStation. Dal 3 dicembre i nostalgici in campo videoludico potranno acquistare la versione commemorativa (in miniatura) della prima PlayStation di Sony. È uno dei regali più «Natale 2018» di questa lista: in generale abbiamo cercato di proporre cose che potrebbero andare bene per qualsiasi Natale, ma questa fa eccezione. Qui trovate la lista dei videogiochi contenuti al suo interno. (99 euro e 99)

Due bei saggi sugli animali. Per i lettori di Weekly Beasts, la rubrica settimanale di foto di animali del Post, suggeriamo due libri sugli animali, non con le figure ma con tantissime informazioni interessanti. Sono i primi due saggi della nuova collana di Adelphi Animalia, usciti entrambi quest’anno. Il primo è Al di là delle parole di Carl Safina, il secondo Altre menti di Peter Godfrey-Smith. Al di là delle parole è molto lungo, parla soprattutto di elefanti, lupi e orche, ma più in generale di cosa sappiamo dell’intelligenza degli animali e di cosa possiamo ipotizzare che “pensino”. Altre menti invece parla di polpi e seppie e di come l’evoluzione li abbia portati ad avere capacità intellettive simili (e no) a quelle delle altre specie animali più intelligenti con un percorso totalmente diverso da quello di primati, cetacei e uccelli. (28,90 e 18,70 euro)

Un affilacoltelli di Wüsthof. Non è una pietra cote, ma forse con il suo aspetto più moderno spaventa meno: è in effetti più comodo e facile da usare. È pensato sia per mancini che per destrimani. Non fatevi male. (25 euro)

Un accappatoio di lino. Gli accappatoi sono un classico regalo poco originale e non tanto gradito, ma sono utili e quando sono pure fatti di un materiale molto piacevole sulla pelle possono anche diventare una piacevole sorpresa. Quelli della Fabbrica del lino sono costosi, perché di ottima qualità, e possono ottenere questo effetto. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, asciugano molto bene. Sono morbidissimi e non hanno bisogno di essere stirati. (da 165 euro)

Una piccola pianta che nasce da un cubo di legno. C’è la pianta del caffè (che una redattrice ha regalato a un redattore, peraltro), il cactus, l’aloe vera, ma anche, tra gli altri, il girasole, la mimosa pudica (quella che richiude le foglie se la si tocca), il quadrifoglio e l’abete, per chi vuole essere ancora più natalizio. Nel tempo il cubo diventa compost per la pianta. Per non farla morire poi, qui un po’ di consigli. (10 euro)

Una candela profumata che si fa notare. Di nuovo nella categoria dei regali di Natale lussuosi: le candele in edizione limitata del marchio francese Dyptique, uno di quelli di cui potete acquistare una candela anche senza annusarla prima, perché hanno tutte profumi buonissimi. Quelle in edizione limitata hanno pure gran belle confezioni colorate; quest’anno ci sono al profumo di pino, ambra e mandorla. (60 euro)

Il piumino del 1996 che è tornato di moda. Il Nuptse di North Face è tra le cose che interessano di più agli adolescenti quest’anno, almeno secondo le informazioni che siamo riusciti a ottenere tra un monosillabo e l’altro degli adolescenti che conosciamo. C’è su Asos, ma costa meno sul sito di North Face. (230 euro)

Per chi non è stato convinto da nessuna di queste idee di regali di Natale, c’è sempre questo articolo sul tema dell’anno scorso: non ci sono cose andate fuori moda nel frattempo.

Per fare pacchetti belli da guardare.
Ci sono alcuni siti che offrono belle carte per fare i pacchetti (oltre a vari tipi di nastri e accessori per abbellirli): sul sito britannico Paperchase c’è quella con le mappe, quella con gli orsi polari e quella con i dinosauri, ad esempio.

E se proprio un regalo no, almeno un bel biglietto di auguri.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.