• Cultura
  • martedì 11 settembre 2018

«Dicono che sono un capriolo»

Il nuovo graphic novel di Giacomo Nanni, che disegna e fa parlare un capriolo, un fucile e un terremoto

Da "Atto di Dio" di Giacomo Nanni (Rizzoli Lizard)

Giacomo Nanni è un illustratore e fumettista che ha 47 anni, è di Rimini, e vive da diversi anni a Parigi. Ha collaborato molto assiduamente con il Post nei suoi primi due anni con una originale serie di storie ispirate dalle notizie di agenzia su fatti di cronaca: a metterlo in contatto con il Post fu allora il suo collega ed estimatore Gipi, che ora è l’autore di una ammirata postfazione al nuovo libro di Nanni, Atto di Dio (Rizzoli Lizard), un graphic novel originalissimo che racconta le storie contemporanee di un capriolo, di un fucile e del terremoto nelle Marche, facendo parlare ciascuno di loro in prima persona. Il commento di Gipi è dedicato soprattutto alla frase del capriolo nelle prime pagine del libro, “Dicono che sono un capriolo”, di straordinaria efficacia: una specie di “Chiamatemi Ismaele” cervide.

«Quella frase mi ha tolto il fiato».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.