Cosa c’è di nuovo su Storytel a ottobre

Tra gli altri, "Limonov" letto da Claudio Santamaria, i "Sillabari" di Parise letti da Nanni Moretti e due libri dello svedese Fredrik Sjöberg, che sono particolarmente adatti a essere ascoltati

L'ascolto di un audiolibro alla Fiera di Francoforte, in Germania, il 17 marzo 2006 (Carsten Koall/Getty Images)

Tutte le persone che leggono molto hanno un piccolo elenco di libri molto famosi che si ripromettono di leggere da anni (e che in alcuni casi dicono di aver letto), ma per cui non trovano mai il tempo o la voglia di farlo. Un’alternativa alla lettura tradizionale, per spuntare un po’ di titoli dalla lista, potrebbe essere “leggere” questi libri in versione audiolibro, cioè ascoltarli. Tra le novità che arriveranno a ottobre su Storytel – il servizio di streaming di contenuti audio che tra le altre cose distribuisce una stagione speciale di Da Costa a Costa del vicedirettore del Post Francesco Costa – ci sono molti audiolibri che potrebbero appunto ricadere nella categoria “ce l’ho sul comodino da molto tempo”. Alcuni sono classici della letteratura italiana del Novecento, altri sono libri degli ultimi anni di cui si è parlato molto. Abbiamo anche messo insieme una selezione, per chi è già abbonato e per chi ci sta pensando.

Se è da un po’ che volete provare un servizio di streaming di audiolibri, o gli audiolibri in generale, forse vi interessa sapere che da oggi se vi iscrivete da questo link del Post, invece che dall’homepage del sito, potete avere 30 giorni di prova gratuita invece che 14.

Limonov di Emmanuel Carrère
La biografia “autobiografata” che ha reso Carrère molto noto ai lettori italiani arriva su Storytel in versione audiolibro il 2 ottobre. Per chi avesse bisogno di un ripasso: Eduard Limonov è uno scrittore e attivista russo la cui linea politica nel 2010 fu definita come «un mix infiammabile di socialismo della vecchia scuola, nazionalismo russo e teatro di strada anarchico». Ha avuto una vita molto avventurosa e fatto cose discutibili e Carrère la racconta in modo molto appassionante, mescolandoci qualche informazione sulla sua storia familiare (sua madre è di origine russa). A leggere l’audiolibro è Claudio Santamaria, che se il nome vi dice qualcosa ma non siete sicuri, è l’attore che ha fatto Melissa P. tanti anni fa, Lo chiamavano Jeeg Robot più di recente e Rino Gaetano in una miniserie tv di Rai Uno. Per chi si preoccupa della lunghezza: l’audiolibro di Limonov dura 12 ore e 48 minuti.

Limonov

Lessico famigliare di Natalia Ginzburg
Letto da un’altra famosa attrice italiana, Margherita Buy, arriva a sua volta il 2 ottobre. È il libro più conosciuto di Ginzburg, che fu una delle più importanti scrittrici italiane del Novecento. Lessico famigliare è autobiografico e parla soprattutto del padre di Ginzburg, il medico e scienziato di origine ebraica Giuseppe Levi, e del rapporto che aveva con i suoi figli. Nel 1963 vinse il premio Strega. Un altro libro di Ginzburg, il romanzo Le voci della sera, si può ascoltare come podcast: lo ha realizzato due anni fa, per il centenario della nascita di Ginzburg, Radio 3.

L’arte di collezionare mosche e L’arte della fuga di Fredrik Sjöberg
Se gli audiolibri vi interessano per ascoltare qualcosa di diverso mentre andate al lavoro, o comunque avete bisogno di qualcosa che possa essere messo in pausa anche dopo poco tempo che si è iniziato ad ascoltarlo, questi due audiolibri potrebbero fare al caso vostro. Fredrik Sjöberg è un autore ed entomologo svedese molto curioso e un po’ eccentrico: in questi libri mescola aneddoti sulla sua attività di collezionista di insetti e opere d’arte (molto più divertenti di quanto si potrebbe immaginare) alle biografie di due personaggi storici svedesi praticamente dimenticati eppure piuttosto famosi ai loro tempi, entrambi eccentrici come lui. Quello al centro di L’arte di collezionare mosche è René Malaise, inventore di una trappola per mosche ed esploratore della Kamčatka; quello di L’arte della fuga è il pittore Gunnar Widforss, misconosciuto in patria ma famosissimo negli Stati Uniti come pittore di quelli che poi divennero i parchi nazionali.

I due audiolibri saranno disponibili su Storytel dal 5 ottobre. Qui potete leggere un estratto di un altro dei libri di Sjöberg, per farvi un’idea di che tipo è.

Da Costa a Costa di Francesco Costa
Il 6 ottobre arriveranno quattro nuove puntate della serie originale sulla politica americana fatta dal vicedirettore del Post: una parla del Texas, una dell’immigrazione e gli Stati Uniti, una della California e l’ultima dell’assassinio del presidente John F. Kennedy. L’ultimissima puntata della serie invece, la decima, uscirà dopo le elezioni di metà mandato del 6 novembre. Qui sotto potete ascoltare gratuitamente la prima, disponibile da agosto:

Ascolta “S3E01. Cosa è stata, fin qui, l’America di Trump” su Spreaker.

Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli
Letto da lui in persona, dal 9 ottobre. Sette brevi lezioni di fisica è un altro di quei libri di cui si è parlato molto negli ultimi anni (e che ha generato vari tentativi di imitazione da parte delle case editrici) perché ha venduto moltissime copie pur essendo un libro che parla di fisica. Nella versione cartacea è lungo 88 pagine e anche l’audiolibro è breve: un’ora e 36 minuti. Si presta a essere ascoltato con varie interruzioni, anche per riflettere bene su ciò che insegna.

Che tu sia per me il coltello di David Grossman
Uscito dieci anni fa, questo romanzo dell’apprezzato scrittore israeliano racconta di una relazione epistolare tra un uomo e una donna che all’inizio non si conoscono. L’audiolibro sarà disponibile dal 10 ottobre.

Notturno cileno di Roberto Bolaño
Il 16 ottobre invece arriverà su Storytel la versione audiolibro dell’ultimo romanzo pubblicato in vita dallo scrittore cileno Roberto Bolaño, uno di quelli attorno ai quali negli anni si è creato una specie di culto, in parte perché è morto a soli 50 anni. Notturno cileno parla di un prete in punto di morte che ripercorre la sua vita e con essa la storia del Cile. La voce dell’audiolibro è quella dell’attore Fabrizio Gifuni.

Requiem di Antonio Tabucchi
Questo è un altro romanzo che per la sua struttura si presta molto al formato audiolibro: è fatto di una serie di incontri immaginari tra il protagonista e persone morte. Sarà disponibile dal 19 ottobre.

Tutto quello che non ricordo di Jonas Hassen Khemiri
Diversamente da Requiem, che è del 1991, questo romanzo è di qualche anno fa: la casa editrice Iperborea lo ha pubblicato nel 2015. Mette insieme le versioni dei fatti di diverse persone sulla morte di un amico comune, un giovane eccentrico e sognatore. Jonas Hassen Khemiri è svedese, ma ha origini tunisine per parte di padre: come lui molti dei personaggi del romanzo sono svedesi di seconda generazione. Si potrà ascoltare dal 26 ottobre.

Il ballo di Irène Némirovsky
Dal 30 ottobre invece sarà disponibile uno dei libri più noti di Irène Némirovsky. Non è un romanzo ma un racconto, e infatti la versione audiolibro dura un’ora e mezza. Quando fu pubblicato nel 1939 fu subito giudicato un capolavoro dai critici francesi: è ambientato nella Parigi degli anni Dieci e racconta della vendetta di una ragazza di quattordici anni contro la madre, egoista e poco affettuosa come quella dell’autrice. A leggerlo ad alta voce è l’attrice Sonia Bergamasco.

Sillabari di Goffredo Parise
Un altro libro perfetto per essere ascoltato, perché fatto di brevi racconti: ognuno è dedicato a un sentimento e sono messi in ordine alfabetico, come a comporre un vocabolario. I primi uscirono sul Corriere della Sera tra il 1971 e il 1972.
L’audiolibro, lungo 10 ore e 45 minuti, sarà disponibile dal 30 ottobre e a leggerlo è l’attore e regista Nanni Moretti.

Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini
Sempre il 30 ottobre arriverà un altro audiolibro letto da Fabrizio Gifuni: il primo romanzo di Pier Paolo Pasolini. Ambientato nella Roma del Dopoguerra parla di un gruppo di ragazzi delle borgate che tra le altre cose si prostituiscono: per questo il romanzo fu oggetto di un processo per oscenità, che poi si concluse con l’assoluzione.

***

Disclaimer: lo ripetiamo anche se probabilmente si era già capito, il Post ha un’affiliazione con Storytel e ottiene un piccolo ricavo se decidete di provare il servizio di streaming partendo dal link di questa pagina. Ma potete anche cercarlo su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.