(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Il governo ha cambiato idea sui vaccini

I rappresentanti di Lega e M5S hanno chiesto di cancellare dal "decreto milleproroghe" la norma che avrebbe permesso l'iscrizione a scuola dei bambini non vaccinati

(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Il governo e i partiti che lo sostengono in Parlamento – Movimento 5 Stelle e Lega – hanno deciso di cancellare dal cosiddetto “decreto milleproroghe”, in discussione alla Camera, l’emendamento che avrebbe eliminato il divieto di iscrizione all’asilo e alla scuola per l’infanzia per i bambini non vaccinati, e le multe per chi avesse iscritto bambini non vaccinati alla scuola dell’obbligo. L’emendamento in questione era stato promesso in campagna elettorale e poi presentato in Parlamento dalla stessa maggioranza parlamentare, e aveva ricevuto molte critiche.

– Leggi anche: Ma quindi, alla fine, come funziona con i vaccini a scuola?

Nei documenti in cui viene chiesto il ritiro dell’emendamento, che il Post ha potuto vedere, la maggioranza parlamentare chiede comunque che la questione dell’obbligo vaccinale venga rivista ma con un “progetto di legge di iniziativa parlamentare”. Una proposta in questo senso, quella che è stata battezzata “obbligo flessibile“, è stata depositata lo scoso agosto e sarà probabimente discussa nelle prossime settimane.

Il cosiddetto “decreto milleproroghe”, una norma che tocca numerose e diverse questioni e che viene approvata ogni anno, era già stato approvato dal Senato; se questa modifica sarà confermata dal voto della Camera, come chiesto dalla maggioranza, dovrà essere approvato una seconda volta dal Senato.

La richiesta di eliminare l’emendamento è stata presentata dalla relatrice di maggioranza Mara Lapia, del Movimento 5 Stelle, in commissione Affari sociali, con il consenso del sottosegretario Armando Bartolazzi del Movimento 5 Stelle. Questa mattina un nuovo emendamento – che ha proprio lo scopo di eliminare il rinvio del divieto di iscrizione a scuola per non vaccinati – è stato presentato alla Camera.

Se le forze di maggioranza confermeranno le loro intenzioni, il rinvio del divieto di iscrizione sarà abolito con un voto della Camera che avverrà probabilmente dopo l’11 settembre, il giorno in cui la Camera comincerà a discutere il decreto mille proroghe. Nel frattempo le scuole sono iniziate regolarmente oggi nella provincia di Bolzano ed entro il 20 settembre inizieranno in tutta Italia.

Al momento l’obbligo di effettuare dieci vaccinazioni per poter iscrivere i figli all’asilo e alla scuola d’infazia e per iscriverli senza dovere pagare sanzioni alla scuola è regolarmente in vigore. Esiste comunque una certa incertezza su quali documentazioni sia necessario presentare. Il decreto Lorenzin stabilisce che è necessario fornire alla scuola le ricevute vaccinali fornite dalle ASL. Lo scorso luglio, però, i ministeri della Salute e dell’Istruzione avevano pubblicato una circolare in cui sostenevano che fosse sufficiente presentare un’autocertificazione di avvenuta vaccinazione.

L’associazione dei presidi ha risposto alla circolare sostenendo che il decreto Lorenzin, che è una legge dello stato, non può essere modificato da una semplice circolare ministeriale e che quindi le autocertificazioni non sono accettabili. È probabile quindi che molti presidi si rifiuteranno di accettare autocertificazioni e chiederanno regolare documentazione da parte delle ASL per registrare le iscrizioni.