Mark Zuckerberg alla seconda audizione al Congresso degli Stati Uniti per parlare del caso Cambridge Analytica, davanti alla Commissione dell’energia e del commercio della Camera dei Rappresentanti. Washington D.C., 11 aprile 2018 (SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

L’audizione di Mark Zuckerberg al Parlamento Europeo, in diretta streaming

Dalle 18.20 il capo di Facebook partecipa a un incontro a Bruxelles per discutere di privacy e tutela dei dati sul social network

Mark Zuckerberg alla seconda audizione al Congresso degli Stati Uniti per parlare del caso Cambridge Analytica, davanti alla Commissione dell’energia e del commercio della Camera dei Rappresentanti. Washington D.C., 11 aprile 2018 (SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

A partire dalle 18:20 di martedì il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, partecipa a un’audizione organizzata dal Parlamento Europeo a Bruxelles (Belgio) per discutere di tutela della privacy e di come Facebook raccoglie i dati personali degli utenti. L’incontro è stato organizzato nella stessa settimana in cui entra in vigore il nuovo regolamento europeo sul trattamento dei dati personali (GDPR), e a poche settimane di distanza dal caso di Cambridge Analytica, che ha portato a numerose polemiche su come Facebook amministra i dati degli utenti. All’incontro di Bruxelles partecipa anche il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, che nelle scorse settimane aveva invitato formalmente Zuckerberg a partecipare all’audizione.

🔴 LIVE: Parliament’s leaders are discussing with Facebook CEO Mark Zuckerberg about data privacy

Gepostet von European Parliament am Dienstag, 22. Mai 2018

 

Nelle ultime settimane Facebook ha mostrato ai suoi utenti in Europa avvisi sul GDPR, accompagnati da indicazioni sul cambiamento di alcune regole nella gestione dei loro dati. Per quanto dovuta, visto il cambiamento imminente, l’iniziativa è stata accolta positivamente da chi si occupa di privacy e tutela dei dati personali, anche se non sono mancate critiche su alcune scelte nella grafica e nella modalità in cui sono state poste le nuove condizioni da accettare, visivamente più invitanti rispetto a quelle per negare alcune autorizzazioni.

A inizio aprile Zuckerberg aveva partecipato a un’audizione presso la Camera e a una presso il Senato del Congresso degli Stati Uniti, rispondendo a decine di domande da parte dei Repubblicani e dei Democratici. La sua partecipazione in prima persona ha contribuito ad arginare il danno di immagine di Facebook dovuto al caso di Cambridge Analytica, e ora Zuckerberg confida di riuscire a fare altrettanto con l’incontro al Parlamento Europeo, dove tradizionalmente c’è una sensibilità molto più alta sui temi della privacy.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.