• mini
  • venerdì 29 settembre 2017

Le previsioni del tempo del 30 settembre

Dove pioverà e dove no, insomma: che poi è l'unica cosa che interessa davvero a tutti

Come ogni anno, si avvicina il momento di svegliare il cantante dei Green Day e di tirare fuori dall’armadio la coperta pesante. Se abitate in Sardegna o Sicilia potete ancora fare finta che sia estate, accontentarvi dei 20-21 gradi di questi giorni e godervi quello che resta. Volete mettere il fascino del mare d’autunno, con le file di sdraio ripiegate sotto i moli, la spiaggia intonsa e l’aria frizzantina. Ecco.

Altrove il tempo e le temperature saranno più tipicamente autunnali, con nuvole un po’ ovunque dalla Toscana in su: entro fine giornata dovrebbe piovere in Piemonte e nella parte di Liguria vicina al confine francese (oltre alle consuete piogge in altitudine su Prealpi e Appennini). Qualche breve e violento temporale – o piovasco, se preferite – potrebbe arrivare nel basso Lazio. Il tempo dovrebbe invece reggere a Ferrara, dove fino a domenica c’è il Festival di Internazionale; e anche quest’anno molti degli incontri saranno più che interessanti. Se invece il grigiore diffuso vi convincerà a non uscire di casa, potete rimanere sotto le coperte a recuperare qualcuno degli horror aggiunti di recente a Netflix, oppure le partite di Serie A, o il Gran Premio di Formula 1, o ancora qualche perla nascosta su RaiPlay (un redattore che vuole rimanere anonimo si è impegnato in una maratona di “Blu Notte”, per dire).

Il tempo dei prossimi giorni non ve lo diciamo: sia perché nessuna previsione a lungo termine è davvero affidabile, sia perché butta male (ops).

La mappa arriva dal sito dell’Aeronautica militare, quello che dovete visitare se volete previsioni affidabili e stare alla larga da allarmismi inutili. Se volete consultare le temperature previste, l’umidità e i venti potete cliccare sulla freccia a destra verso il basso.

(Informazioni elaborate dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare e pubblicate sul sito www.meteoam.it)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.