LaPresse - Fabio Ferrari
  • martedì 5 settembre 2017

Italia-Israele, dove vederla in diretta e le probabili formazioni

Sembra che nonostante la sconfitta contro la Spagna la nazionale italiana giocherà ancora con il modulo 4-2-4

LaPresse - Fabio Ferrari

Italia e Israele giocheranno questa sera una partita valida per le qualificazioni ai Mondiali del 2018 in Russia: l’Italia dopo la brutta sconfitta contro la Spagna di sabato scorso non ci arriva benissimo, ma Israele è una delle nazionali più deboli del girone, ha 7 punti meno dell’Italia seconda in classifica e poche possibilità di farne altri questa sera. La partita inizierà alle 20.45, si giocherà allo stadio Mapei di Reggio Emilia (quello del Sassuolo) e sarà arbitrata dal francese Benoît Bastien. Le ultime due partite dell’Italia per il girone F si giocheranno il prossimo ottobre contro Macedonia e Albania, e a meno di sorprese dopo ci saranno da giocare gli spareggi.

Le probabili formazioni

Contro la Spagna, sabato scorso, la nazionale italiana ha giocato con una formazione molto offensiva (con il modulo 4-2-4): se ne è parlato molto, visto il risultato della partita, e l’allenatore Giampiero Ventura è stato criticato per non aver fatto scelte più prudenti. Questa sera, contro un avversario molto più debole della Spagna e giocando in casa, sembra che l’Italia giocherà nello stesso modo, o quanto meno con la stessa formazione. Secondo il sito Il Veggente queste sono le probabili formazioni di Italia e Israele per questa sera.

Italia: Buffon, Conti, Barzagli, Astori, Darmian, De Rossi, Verratti, Candreva, Belotti, Immobile, Insigne.
Israele: Goresh, Dasa, Tzedek, Tibi, Tawatha, Refaelov, Golasa, Cohen, Natcho, Einbinder, Sahar.

Come vedere la partita in streaming e in tv

Come ogni partita della Nazionale, Italia-Israele sarà trasmessa in chiaro dalla Rai a partire dalle 20.30. Si potrà vedere la partita su Rai 1 e Rai 1 HD o in streaming da pc, tablet e smartphone tramite il sito o l’applicazione Rai Play. Qui invece alcuni consigli utili su come vedere le partite di calcio in diretta spendendo poco o nulla, dalla Serie A alla Champions League.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.