Fabrice Leggeri, il capo di Frontex, il 21 marzo 2017, a Varsavia, in Polonia (JANEK SKARZYNSKI/AFP/Getty Images)
  • postit
  • martedì 11 luglio 2017

Il piano operativo di Triton, l’operazione congiunta di Frontex e dell’Italia per il soccorso ai migranti nel Mediterraneo, sarà ridiscusso da un gruppo di lavoro

Fabrice Leggeri, il capo di Frontex, il 21 marzo 2017, a Varsavia, in Polonia (JANEK SKARZYNSKI/AFP/Getty Images)

Oggi a Varsavia, in Polonia, c’è stato un incontro tra i rappresentanti del ministero degli Interni italiano e Frontex, l’agenzia europea di controllo dei confini: lo scopo dell’incontro era parlare del piano operativo di Triton, l’operazione congiunta fra Frontex e il governo italiano, che da circa due anni e mezzo si occupa sia di protezione delle frontiere sia di soccorsi ai migranti nel mar Mediterraneo. È il piano che tra le altre cose prevede che ogni persona soccorsa dalle navi di Frontex sia portata in Italia. Nell’incontro, spiega un comunicato stampa di Frontex, «è stato concordato che sarà stabilito senza indugi un gruppo di lavoro per capire cosa deve essere rivisto nel piano operativo di Triton alla luce delle decisioni già raggiunte a livello politico» lo scorso 6 luglio, quando i ministri degli Interni dell’Unione Europea si sono riuniti per un incontro informale a Tallinn, la capitale dell’Estonia.

Da tempo l’Italia sta chiedendo che qualcosa cambi nel modo in cui l’Unione Europea si sta occupando della questione dei migranti provenienti dall’Africa attraverso la Libia: ultimamente ha minacciato di chiudere i propri porti alle ONG internazionali che soccorrono i migranti e ha chiesto informalmente aiuto ad altri paesi, alla Commissione Europea e a Frontex. Nell’incontro di oggi l’Italia ha ufficialmente chiesto di far sbarcare i migranti anche nei porti di altri paesi dell’Unione Europea (sui giornali si era parlato di Francia e Spagna), richiesta che finora non era stata ufficiale ma solo oggetto di colloqui. Il  direttore di Frontex Fabrice Leggeri ha chiesto ai paesi europei di «rispettare il proprio impegno per rafforzare l’operazione Triton».

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.