• postit
  • mercoledì 19 luglio 2017

La Camera ha approvato una legge sulla prevenzione della radicalizzazione: ora il testo passa al Senato

Se ne discute da almeno due anni. Ieri sera è arrivato il via libera dell’Aula della Camera alla proposta di legge che introduce misure volte a prevenire i fenomeni di radicalizzazione. Obiettivo, fermare il reclutamento dei giovani da parte dei gruppi jihadisti. L’Italia ha visto partire per la Siria e l’Iraq oltre 100 persone, per lo più giovani, anche italiani, indottrinati dalla potente macchina di propaganda di Isis.

Ieri con 251 voti favorevoli ( i contrari sono stati 109, 13 gli astenuti) è stato approvata l’istituzione del Centro nazionale sulla radicalizzazione (CRAD) presso il Dipartimento delle libertà civili e dell’immigrazione del ministro dell’Interno. Il CRAD elabora annualmente il piano strategico nazionale di prevenzione e di recupero. Con il compito di dare attuazione al Piano strategico nazionale, sono istituiti i Centri di coordinamento regionali sulla radicalizzazione (CCR), presso le Prefetture dei capoluoghi di regione. Inoltre, viene istituito in Parlamento un Comitato per il monitoraggio dei fenomeni di radicalizzazione e dell’estremismo violento di matrice jihadista. Il Comitato svolge attività di monitoraggio dei fenomeni della radicalizzazione e dell’estremismo violento di matrice jihadista sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle problematiche inerenti alle donne e ai minori e svolge la sua attività anche attraverso l’audizione di figure istituzionali, di componenti della magistratura e delle forze di polizia, di ministri di culto e di operatori sociali.

Continua a leggere sul Corriere.it

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.