(JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 4 Luglio 2017

Peter Sagan è stato squalificato dal Tour de France

Per aver fatto cadere, con un comportamento ritenuto scorretto, il britannico Mark Cavendish nel finale della quarta tappa

(JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)

Il ciclista slovacco Peter Sagan – che è campione del mondo in carica – è stato squalificato dal Tour de France, la più importante corsa del ciclismo su strada, per un comportamento scorretto avuto nella volata finale della quarta tappa, con arrivo a Vittel. La tappa è stata vinta dal francese Arnaud Démare ma si è fatta notare soprattutto per la caduta di Mark Cavendish, forte velocista britannico. Cavendish è caduto mentre andava a circa 60 chilometri all’ora, a circa 200 metri dall’arrivo, dopo un contatto con Sagan, che ha allargato molto il gomito (non è però chiaro se sapesse che alle sue spalle c’era Cavendish).

Sagan era inizialmente stato penalizzato di 30 secondi ma è poi stato squalificato. Philippe Mariën, presidente della giuria dell’UCI (l’unione ciclistica internazionale), ha detto: «Lo abbiamo squalificato perché ha seriamente messo in pericolo diversi altri corridori». Sagan, vincitore della terza tappa di questo Tour de France, ha detto: «Non sapevo neanche che fosse dietro di me, arrivava da destra, io volevo andare a ruota. Stava arrivando velocissimo, non ho avuto neanche il tempo di andare sulla sinistra – ha spiegato Sagan – Ci siamo toccati ed è caduto, mi dispiace».

Poco prima della caduta di Cavendish ce n’era stata un’altra che aveva coinvolto anche il gallese Geraint Thomas, in maglia gialla. La caduta è avvenuta però nell’ultimo chilometro, quando i tempi dei corridori in gruppo erano già stati annullati: non avrà quindi conseguenze sulla classifica generale. Da quanto si sa per ora, sembra che Cavendish abbia una spalla fratturata e alcune ferite, una delle quali alla mano.

Oltre a essere il corridore più forte su certi arrivi – quelli non propriamente in volata e non dopo lunghe salite – Sagan è uno dei più noti ciclisti attualmente in attività. Vince molto e si è anche spesso fatto notare per il suo carattere esuberante e per il suo stile – di corsa ma anche nelle interviste dopo la gara – spettacolare, che diverte molto il pubblico e gli spettatori.