• TV
  • mercoledì 19 aprile 2017

A Masterchef Italia ci sarà una giudice donna, la chef Antonia Klugmann

È di Trieste e ha una stella Michelin per il suo ristorante in provincia di Gorizia: sostituirà Carlo Cracco

Masterchef Italia, il talent di Sky Uno sulla cucina, ha annunciato che dalla prossima edizione uno dei giudici sarà la chef Antonia Klugmann, la prima donna ad avere questo ruolo nei sei anni di storia della trasmissione. Antonia Klugmann prenderà il posto di Carlo Cracco, uno dei cuochi più famosi in Italia che ha deciso di lasciare Masterchef Italia dopo sei edizioni, per dedicarsi interamente alla cucina e all’apertura del suo nuovo ristorante a Milano. Klugmann sarà giudice della trasmissione – e quindi giudicherà i piatti cucinati dai concorrenti – insieme agli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e all’imprenditore Joe Bastianich.

Erano diversi anni che in molti chiedevano a Sky Italia di scegliere una giudice donna, anche per motivi simbolici, visto che quello dell’alta cucina in Italia è un ambiente ancora piuttosto maschilista, secondo chi ci lavora. Nelle scorse edizioni, alcune puntate di Masterchef Italia venivano dedicate alle chef donne, ma non c’era mai stata una giudice donna. La stessa Klugmann era stata ospite della trasmissione durante la finale della quinta stagione.

Klugmann ha 37 anni, è nata a Trieste e ha iniziato a lavorare nella ristorazione mentre frequentava la facoltà di Giurisprudenza a Milano. Ha lavorato prima al ristorante Harry’s Grill di Trieste, per poi fare stage in altri ristoranti. Nel 2006 ha aperto l’Antico Foledor Conte Lovaria a Pavia di Udine, insieme al suo compagno Romano De Feo. Il ristorante ha chiuso nel 2011, e Klugmann ha prima lavorato al Ridotto di Venezia e poi nel 2013 è diventata capa della cucina del Venissa sull’isola di Mazzorbo. Nel 2014 ha poi aperto L’Argine a Vencò, il suo ristorante a Dolegna del Collio, in provincia di Gorizia, per il quale ha ottenuto una stella Michelin.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.