Manifesti elettorali a Leida. (EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 15 marzo 2017

Le elezioni nei Paesi Bassi per chi ha solo 3 minuti

Le cose da sapere per orientarsi, visto che se ne parlerà parecchio (complice un politico dai capelli ossigenati che forse già conoscete)

Manifesti elettorali a Leida. (EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)

Oggi nei Paesi Bassi – o in Olanda, se preferite: ma è un termine impreciso – si tengono le elezioni politiche per rinnovare la camera bassa del Parlamento olandese. Sono le prime elezioni importanti che si tengono in Europa da qualche mese a questa parte, e da settimane sono attese e seguite dai principali giornali internazionali: molto dell’interesse è stato causato dall’aumento di consensi del partito di destra radicale guidato da Geert Wilders, un colorito politico olandese che ha formato una specie di “alleanza” informale con i principali leader ultra-nazionalisti europei come Marine Le Pen e Matteo Salvini. Ma le elezioni di oggi non riguardano solo Wilders, che quasi sicuramente non le vincerà: abbiamo messo insieme una rapida guida con le informazioni base, per orientarsi quando a partire da stasera si parlerà dei risultati. La versione “lunga” di questa guida, la trovate qui.

Le basi
I seggi sono aperti dalle 7.30 e chiuderanno alle 21. Hanno diritto di voto quasi 13 milioni di cittadini olandesi. I primi risultati arriveranno nel giro di un’ora dalla chiusura dei seggi. Si vota per rinnovare i 150 seggi della Camera bassa. Il governo uscente è guidato da Mark Rutte – in carica dal 2010 – che appartiene al Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (di centro), e che ha il sostegno del principale partito di centrosinistra, i Laburisti. In questi anni il governo Rutte ha badato più che altro a sistemare il bilancio e l’economia del paese – la disoccupazione è al 5,3 per cento, il livello più basso degli ultimi cinque anni – ma secondo alcuni ha sottovalutato lo spostamento “a destra” di buona parte dell’elettorato su temi come l’immigrazione e l’integrazione nell’Unione Europea.

– leggi anche: Cos’è successo ai Paesi Bassi?

Chi può vincere?
Il panorama politico olandese è tradizionalmente molto frammentato, anche a causa di una legge proporzionale con una soglia di sbarramento bassissima. Secondo gli ultimi sondaggi, nessuno dei 28 partiti che si presenta è dato sopra al 17 per cento. Il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD), quello del primo ministro Rutte, rischia di perdere poco meno della metà degli attuali seggi (passando da 40 a circa 20-25), mentre il Partito Laburista dovrebbe perderne circa tre quarti (da 38 a 9). Per formare un governo potrebbe essere quindi necessaria una coalizione di quattro o forse cinque partiti diversi. Quasi tutte le formazioni principali hanno escluso più o meno esplicitamente la possibilità di allearsi con Wilders e il suo Partito per la Libertà. Giornali ed esperti non escludono nemmeno la possibilità di uno scenario in cui non si riesca a formare alcuna maggioranza, con la necessità di tornare rapidamente a votare.

elezioniolanda
Secondo la media dei sondaggi mostrata qui sopra, il VVD di Rutte è avanti nei sondaggi col 17 per cento dei consensi, mentre il Partito per la Libertà (PVV) di Wilders è fra il 13 e il 14, solamente qualche punto sopra ai risultati delle elezioni del 2012 (quando prese il 10 per cento)

Chi è esattamente Wilders
King Willem Alexander Of The Netherlands Attends Prinsjesdag (Prince's Day)
Ha 53 anni, fa il politico da una vita – entrò in Parlamento nel 1998 – ed è famoso per le sue dichiarazioni provocatorie e i suoi capelli ossigenati. Wilders si presentò inizialmente come un politico moderato, un liberale di destra con una forte posizione contro l’estremismo islamico. Con il passare del tempo le sue posizioni contro l’Islam si sono fatte sempre più radicali: oggi è probabilmente il leader politico europeo con il programma più radicale nei confronti di Islam e immigrazione, fatta eccezione per i gruppi apertamente neo-fascisti o neo-nazisti. Il suo Partito per la Libertà chiede la chiusura di tutte le moschee olandesi e il divieto di ingresso nel paese per i musulmani. Negli ultimi mesi è riuscito ad attrarre il dibattito politico olandese su molti di questi temi: secondo gli analisti, un risultato del suo partito inferiore ai consensi ottenuti alle elezioni europee del 2014 – in cui prese il 17 per cento – sarebbe da considerare un fallimento.

– leggi anche: Tutto quello che c’è da sapere su Geert Wlders

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.