• Italia
  • venerdì 24 febbraio 2017

La storia del video di Follonica

Tre persone sono indagate per aver chiuso due donne rom in un gabbiotto per i rifiuti di un supermercato, dopo aver ripreso la scena con il cellulare e diffuso il video sui social

Tre uomini italiani, dipendenti della catena tedesca di supermercati Lidl, sono indagati dalla procura di Grosseto per sequestro di persona per aver rinchiuso due donne rom nel gabbiotto per i rifiuti del supermercato per cui lavorano a Follonica, dopo averle sorprese a rovistare. I tre uomini hanno filmato la scena con un telefonino giovedì 23 febbraio, riprendendo sia loro che le due donne rinchiuse nel gabbiotto dei rifiuti, e poi hanno pubblicato il video sui social network, causando la denuncia.

Nel video i tre uomini prendono in giro le due donne, una delle quali urla molto forte e si lamenta, dicendo che non avrebbero dovuto entrare in quella zona – “l’angolo rotture” – e dicono loro che “ora sono in gabbia”. Il gabbiotto è una piccola area all’esterno del supermercato, recintata e chiusa anche sopra con delle griglie, in cui ci sono i cassonetti per l’immondizia. Le due donne probabilmente erano entrate per recuperare qualcosa dai bidoni; i tre uomini, come si vede nel video, hanno poi bloccato la porta del gabbiotto con un muletto impedendo loro di uscire. Le due donne sono state fatte andare via dopo pochi minuti, scrivono i giornali.

Il video pubblicato online è stato visto migliaia di volte e, scrive Repubblicai carabinieri di Follonica avrebbero cominciato l’indagine dopo averlo visto loro stessi, riuscendo poi a contattare le due donne e a risalire all’identità degli uomini che hanno girato il video (due si vedono in volto chiaramente). Lidl, con un messaggio sulla sua pagina Facebook, ha condannato le azioni dei suoi dipendenti, che secondo Repubblica potrebbero essere sospesi dal lavoro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.