• Cultura
  • mercoledì 30 novembre 2016

Laura Cerutti dirigerà la Narrativa italiana a Feltrinelli

Dal primo gennaio sostituirà lo storico editor Alberto Rollo: ha lavorato in Longanesi e Mondadori, con autori come Niccolò Ammaniti e Paolo Giordano

Laura Cerutti (Feltrinelli)

Dal primo gennaio 2017 Laura Cerutti sarà la nuova responsabile della Narrativa italiana per Feltrinelli al posto dello storico editor Alberto Rollo, ora passato a Baldini & Castoldi. Cerutti è nata a Milano nel 1974 e vive a Sesto San Giovanni. Si è laureata con Vittorio Spinazzola su Casa d’altri di Silvio D’Arzo, ha iniziato come correttrice di bozze da Longanesi e ha poi lavorato come caporedattrice a La Rivisteria, una rivista dedicata all’editoria. È arrivata in Feltrinelli nel febbraio 2015, dopo una decina d’anni in Mondadori dove ha fatto un po’ di tutto, diventando caporedattore della Narrativa italiana. Tra gli autori che ha curato ci sono Walter Siti, Carlo Fruttero, Vincenzo Cerami, Pietro Grossi, Giorgio Fontana, Niccolò Ammaniti insieme a Giulia Ichino, e La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano insieme ad Antonio Franchini, a lungo direttore editoriale di Mondadori e ora passato a Giunti.

Cerutti ha spiegato al Post che la linea editoriale sarà in continuità con quella della narrativa di Feltrinelli portata avanti da Alberto Rollo. Quindi, narrativa esperienziale e di formazione, come nell’ultimo romanzo di Marco Missiroli, Atti osceni in luogo privato; una linea più sperimentale e letteraria, come nei romanzi di Stefano Valenti o Emiliano Gucci di cui Feltrinelli pubblicherà un romanzo intitolato Voi due senza di me; e in terzo luogo una narrativa più femminile, per esempio quella di Federica Manzon. Cerutti ha detto anche di volersi concentrare nella ricerca di voci nuove e di scrittori esordienti: tra questi tiene molto al primo romanzo di Valerio Callieri Teorema dell’incompletezza, che uscirà a gennaio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.